Intervista al Provinciale dei Francescani di Erzegovina, ex parroco di Medjugorje Dr. fra Ivan Sesar

Other languages: English, Čeština, Deutsch, Hrvatski, Italiano

Siamo pronti ad accogliere una nuova "Commissione" su Medjugorje.

Intervista di Žarko Ivković, Dal quotidiano croato Vecernji list (Trad. Jadranka H.)

In questi giorni ha avuto una eco sensazionale la notizia che il Vaticano avrebbe incominciato a fare il regolamento dei conti con il fenomeno di Medjugorje e che il Papa stesso l’avrebbe giudicato un inganno. Nel retroscena di questa non veritiera informazione c'era il caso di fra Tomislav Vlašić, il quale è stato condannato dal Vaticano per “ divulgazione di dubbie dottrine, manipolazione delle coscienze, sospetto misticismo, disubbidienza ad ordini legittimamente impartiti ed addebiti contra sextum”.

Siccome si tratta di un Sacerdote che ha prestato il suo servizio a Medjugorje, la veridicità delle apparizioni della Madonna è di nuovo messa in dubbio.

Che cosa risponde in merito dr. Fra Ivan Sesar, Provinciale della Provincia Francescana Erzegovinese ed ex parroco di Medjugorje ?

Sono sorpreso di queste errate, e mi permetto di dire malintenzionate, conclusioni. Si sà che la Santa Sede segue con particolare attenzione i fatti di Medjugorje e che ancora non ha pronunciato la sua definitiva sentenza. Il Vaticano non è un’ Istituzione che fa il regolamento dei conti con qualcuno e tanto meno con Medjugorje.

Pero' la condanna di fra Tomislav, per gli scettici costituisce un'altra prova che il fenomeno di Medjugorje e stato ideato dai frati di Erzegovina?

E' una grande falsità che i francescani di Erzegovina abbiano ideato il fenomeno di Medjugorje.

Ogni ben pensante che si prende cura di conoscere la verità sugli inizi dei fatti di Medjugorje, facilmente scoprirà che i frati in servizio in quel periodo nella parrocchia di Medjugorje, si sono avvicinati agli eventi che capitavano, con la massima cautela.

Il collega Inoslav Bešker ha fatto un passo avanti e si è chiesto apertamente se proprio fra Tomislav Vlašić non abbia “ideato le apparizioni”. Qual'è la verità sull' operato di fra Tomislav a Medjugorje?

Anche l’affermazione che fra Tomislav Vlašić sia autore delle apparizioni a Medjugorje è assurda. Cioè, è risaputo e facilmente dimostrabile che fra Tomislav nel mese di giugno 1981, quando - stando alle testimonianze dei sei ragazzi - sono incominciate le prime apparizioni, non era in servizio a Medjugorje e non conosceva i ragazzi. A Medjugorje è venuto per volontà del superiore in settembre del 1981, dopo l’arresto di fra Jozo Zovko. E' stato in servizio nella parrocchia meno di quattro anni, nel 1985 e stato trasferito a Vitina e nel 1988 e andato in Italia.

Fra Tomislav era la guida spirituale dei veggenti? Oppure falsamente si presentava come tale, anche al Papa , cioè come colui che per “Divina Provvidenza guidava i veggenti di Medjugorje”?

Questo provincialato non ha mai raccomandato ne' nominato alcuno come guida spirituale dei ragazzi. Penso che nemmeno i parroci di Medjugorje abbiano mai avuto questo mandato di essere guida spirituale dei veggenti. Il fatto è che alcuni frati erano loro confessori, avevano con loro e le loro famiglie un rapporto amichevole e questo si può capire. Chi è amico di chi, oppure chi è la guida spirituale, dovete chiederlo voi stessi ai veggenti . In questi giorni si è potuto leggere nei media che alcuni dei veggenti lo hanno negato categoricamente.

La condanna inflitta a fra Tomislav ha qualche attinenza con il suo servizio a Medjugorje? Il Vescovo di Mostar Ratko Perić lo mette chiaramente in relazione.

Per quanto mi risulta dalla lettura delle comunicazioni, fra Tomislav Vlašić non è stato condannato per il suo lavoro pastorale al servizio della parrocchia di Medjugorje, neppure per il fenomeno Medjugorje e neppure per il suo parere personale verso il fenomeno.

Con il suo trasferimento da Medjugorje il Vescovo di allora non gli ha tolto nessuno dei privilegi sacerdotali. Non vedo il motivo per il quale qualcuno lo colleghi con il suo lavoro pastorale svolto a Medjugorje oppure con il fenomeno stesso e tanto meno vedo la ragione che questa condanna si spieghi come la negazione Vaticana di Medjugorje.

Qual'è la posizione della Provincia francescana Erzegovinese nel caso di fra Tomislav?

Fra Tomislav risulta ufficialmente trasferito in Italia nel 1992, nella Provincia francescana dell' Abruzzo, dove vive e lavora. Significa che la nostra Provincia, da allora, non ha nessuna informazione del suo operato. Perciò, in accordo con la legge del nostro Ordine, lui non ha l'obligo di rendere conto del suo lavoro alla Provincia Francescana di Erzegovina della Beata Vergine Maria, e neppure lo ha fatto. Per lui è competente il Provinciale e l’amministrazione provinciale alla quale appartiene . Sui dettagli del suo operato in Italia non sono mai stato informato.

Il Vaticano ha annunciato la formazione di una nuova Commissione che inizierà di nuovo a studiare il fenomeno di Medjugorje. Che cosa ci potete dire al riguardo?

Anche se si parla di questo sempre più spesso e con sempre maggior insistenza, quest' ufficio non ha ricevuto nessuna nota di conferma.

La nuova Commissione sarà sotto il “patronato” del Papa? E qualcuno è gia stato nominato come membro di questa Commissione?

Da quanto so da fonti non ufficiali, si tratterebbe di una Commissione internazionale che dovrebbe essere nominata dalla Santa Sede. In qualità di Provinciale della provincia alla quale appartiene la Parrocchia di Medjugorje, a cui è stata affidata la cura pastorale, e come ex parroco di Medjugorje, dichiaro che siamo completamente aperti e pronti alla collaborazione con qualsiasi Commissione che sarà nominata dalla Chiesa ufficiale. La Parrocchia di Medjugorje è da sempre legalmente guidata dai francescani i quali, in accordo con le prescrizioni, hanno proposto e nominato competenti governi. Il personale pastorale desidera che tutto ciò che accade lì, sia in accordo con le prescrizioni e l'insegnamento della Chiesa. Medjugorje non è come alcuni pensano e dichiarano “progetto individuale" ne' di alcuni gruppi , ma è un dono provvideziale del cielo ed una grande offerta all' uomo odierno e all’umanità intera.

Succede qualche cosa che rimane celato agli occhi del popolo di Medjugorje?

Non succede niente di segreto ne' di nascosto agli occhi del pubblico. Ciascuno è libero di venire, sia come fedele sia come non credente, per vedere che cosa succede lì e per cercare di capire per quale ragione arrivano tante masse di pellegrini da tutto il mondo. I numeri chiaramente confermano che, nonostante tutto, Medjugorje è oggi uno dei luoghi di pellegrinaggio piu conosciuti nel mondo cattolico , un centro di spiritualità, una "calamita" che attrae molte persone in cerca di Dio.

 


Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.