Aggiornamenti  | Medjugorje  | Messaggi  | Articoli i Attualitaè  | Video  | Galleria | Mappa del Sito  | Sulle[EN]  | Registro degli Ospiti  | Links[EN]  | Screensaver  | Wallpaper | Web Feed

www.medjugorje.ws » Eco di Maria Regina della Pace » Eco di Maria Regina della Pace 138 (Marzo-Aprile 1998)

Other languages: English, Deutsch, Español, Français, Italiano
Scarica (56.6 KB )
background image
Marzo - aprile 1998 - Eco di Maria, cas. post. 149, I - 46100 Mantova (Italia) - Fax 0376-245075 A.13,
n. 3-4, Sped. abb. post. art.2, comma 20/c, legge 662/96 MN- Autor. tribun. MN: 8.11.86, ccp 10799468
138
Messaggio di Maria del 25 febbraio:
“Cari figli, anche oggi sono con voi e vi
invito tutti di nuovo ad avvicinarvi a me
mediante le vostre preghiere. In modo
particolare vi invito alla rinuncia in que-
sto tempo di grazia.
Figlioli, meditate e vivete, per mezzo
dei vostri piccoli sacrifici, la passione e la
morte di Gesù per ognuno di voi. Soltanto
se vi avvicinate a Gesù capirete l’amore
incommensurabile che Egli ha per ognuno
di voi. Attraverso la preghiera e le vostre
rinunce diventerete più aperti al dono
della fede, all’amore per la Chiesa e per le
persone che sono attorno a voi. Vi amo e
vi benedico. Grazie per aver risposto alla
mia chiamata”
Vivete la passione di Gesù
con le vostre rinunce
Avvicinatevi a me: Venite, figli, ascol-
tatemi!... Quando pregate guardando a Me
nello Spirito Santo, non distrattamente o per
interesse, Io sono con voi e vi parlo. Oggi vi
insegnerò a vivere questo tempo di grazia,
tempo propizio per la vostra conversione.
Ora, invitandoci a meditare e a vivere, attra-
verso i piccoli sacrifici, la Passione e la
Morte di Gesù, ci pone di fronte all’evento
della Croce; è questo il mistero essenziale
che ci fa capire il vero senso della vita.
Avvicinarci a Gesù per capire l’amore sen-
za misura
che Egli ha per ciascuno di noi.
Dio ci ha fatti non perché aveva bisogno
di noi ma perché voleva farci partecipi della
Sua felicità eterna; ma l’uomo si è creato un
altro scopo di vita, il proprio benessere ter-
reno, svincolato da Dio e quindi destinato al
nulla. Nella Sua misericordia Gesù si è ab-
bassato e ha pagato per tutti noi per ritrarci
dalla via larga e farci conoscere il Suo
Amore senza misura e quindi il fine di feli-
cità eterna per cui siamo stati creati e al quale
noi, col peccato, abbiamo rinunciato.
La Croce è il libro su cui i santi leggevano
tutta la Verità, la Sapienza e l’Amore di Dio:
un Amore che ci avvolge e che ci salva. Ecco
perché la Madonna ci richiama a meditare -
che vuol dire “mettere al centro” - la Passio-
ne e la Morte di Gesù, che dànno senso alla
nostra vita e ci invita a viverle, cioè a con-
formarci alla via di Gesù che è rinuncia a
tutto ciò che ci porta lontano da Dio.
Ispiriamo dunque la nostra vita al Suo
Amore e percorriamo la via stretta, comin-
ciando dalle piccole rinunce: alle nostre
ragioni, discussioni, lamentele, vanità, cu-
riosità, spese fatte a casaccio (dare il super-
fluo ai poveri!
), golosità e tante altre piccole
soddisfazioni egoistiche alle quali siamo
portati. Non chiede di più, se non di ritornare
ai fioretti.
Allora saremo in grado di rinunciare
anche al peccato come Ella ci disse agli inizi:
digiunate dal peccato e dalle occasioni che
portano al peccato, alle cose a cui siete
attaccati, digiunate a pane e acqua, spegne-
te la TV, non leggete i giornali
(al gruppo di
Messaggio di Maria del 25 gennaio 1998:
“Cari figli, oggi vi invito tutti di nuovo
alla preghiera. Solo con la preghiera, cari
figli, il vostro cuore cambierà, diventerà
migliore e più sensibile alla Parola di Dio.
Figlioli, non permettete che Satana vi tra-
scini e faccia di voi quello che vuole.
Io vi invito a essere responsabili e
decisi e a consacrare a Dio ogni giorno,
nella preghiera. La santa Messa non sia
per voi un’abitudine, ma vita; vivendo
ogni giorno la santa Messa sentirete il
bisogno della santità e crescerete nella
santità. Io vi sono vicina e intercedo pres-
so Dio per ognuno di voi, affinché vi dia la
forza per cambiare il vostro cuore. Grazie
per aver risposto alla mia chiamata.”
Pregate per cambiare il cuore
e respingere satana
In questo messaggio la Madonna ci mette
in guardia da satana, che ci vuol distogliere
dalla preghiera per far di noi quello che
vuole, e ci invita a essere responsabili e
decisi a respingerlo, consacrando ogni gior-
no a Dio per crescere nella santità.
Vi invito tutti di nuovo alla preghiera.
Chi non prega ha interrotto il suo rapporto
con Dio e la sua dipendenza da Lui; si basa
sulla propria sufficienza, e va sulla via della
menzogna.
Chi prega è in ascolto della vo-
lontà di Dio e chiede la sua grazia per poterla
compiere: ecco come la preghiera cambierà
il cuore, sostituendo i nostri sentimenti car-
nali con quelli di Dio. “Mentre voi pregate,
io posso agire nel vostro cuore”, ci ha detto
una volta Maria, mentre senza la preghiera
nulla cambia e tutto peggiora.
La preghiera è il canale aperto tra il cielo
e noi, per il quale passa la grazia di Dio, il suo
Spirito che ci dà un cuore nuovo per amare
Dio e i fratelli. Se noi incontriamo il Cuore
di Dio, che ci parla, che ci ama, che è
misericordioso, il nostro cuore non potrà non
cambiare e non conformarsi al suo. E trove-
remo la fiducia dei figli che tutto possono
ottenere dalla bontà divina: Tutto è possibile
a chi crede,
proprio tutto.
E il vostro cuore diventerà più sensibi-
le alla Parola di Dio. Dio ci parla sempre,
specialmente nella Parola annunciata in Chie-
sa. Cos’è che ci impedisce di ascoltarla, di
accoglierla e di gustarla, e quindi di fare ciò
che ci dice? Senza dubbio il cuore che è
pieno di tutto e quindi non può prestare
attenzione a Dio! L’uomo lasciato alle sue
Jelena).
Quando poi la Madonna ci assicura che ci
ama e ci benedice, è per portarci a questa via
di salvezza che è la Croce di Gesù e perché
possiamo amarLo con tutto il cuore e condi-
videre sempre più il Suo amore senza misu-
ra. Così saremo specchio di Gesù e del Suo
Amore e quindi richiamo per gli uomini alla
Verità della vita e alla salvezza.
Quei sacrifici che sono conseguenti alla
meditazione della Croce ci faranno uscire
dal nostro io e ci renderanno aperti a tutto il
resto: a una fede maggiore, all’amore per la
nostra Chiesa, spesso bistrattata, alle perso-
ne che sono attorno a noi
e soprattutto a
“quelli che non conoscono ancora l’amore di
Dio” per i quali Ella chiede incessantemente
di pregare. Il cuore così si dilata e diventa
grande come quello di Gesù.
d.A.
Spegnere la TV
e accendere il cuore
Il cammino verso la S.Pasqua, appena
iniziato, è un tempo di grazia che non può e
non deve essere sprecato; nessun tempo li-
turgico è la ripetizione di un altro; nessun
Avvento, nessuna Quaresima sono identici a
quelli dell’anno precedente. Ognuno di essi
è una occasione nuova, unica ed irripetibile,
per progredire nell’Amore, per dare spazio a
Gesù in noi.
La Quaresima è un tempo privilegiato
che ci chiama a meditare sulla Passione,
Morte e Resurrezione di nostro Signore Gesù
Cristo e tutti siamo invitati a farne esperien-
za.
Ma per coglierne, anche solo in minima
parte, la portata, che è vitale per ognuno di
noi, occorre operare uno stacco, fare delle
rinunce, entrare nel silenzio, spegnere la TV
dei nostri ascolti abituali ed accendere il
cuore in Gesù e Maria; sintonizzarsi sulle
loro onde d’Amore, che possiamo captare
solo se prestiamo umile e attento ascolto,
perché il loro Amore è infinitamente discreto
e non invadente; è immenso ed eterno, ma
non prepotente; aspetta con pazienza infinita
di essere colto ma non si impone.
Spegniamo dunque i canali di ascolto
delle nostre paure, delle nostre inquietudini,
delle nostre occupazioni e preoccupazioni,
dei nostri interessi mondani, del nostro ego-
ismo, avviciniamoci a Gesù ed a Maria per
avvertire il loro Amore per cogliere il miste-
ro di resurrezione che la Passione e Morte di
nostro Signore operano, già in questa vita, in
ciascuno di noi. Nuccio
background image
forze non comprende le cose dello Spirito di
Dio
(1Cor 2,14). La preghiera è il terreno
buono in cui la Parola attecchisce e porta
frutto, perché vi lasciamo lavorare lo Spirito.
E qui Maria torna a parlare di satana.
Non permettete che vi trascini per fare di
voi quello che vuole.
Non dimentichiamo
che è una lotta la vita dell’uomo sulla terra
(Gb 7,1), lotta sempre più evidente in chi
vuol vivere per Dio. E satana, scacciato dal
Più Forte
, vuol rientrare nella cittadella del-
l’anima. Per questo Vigilate e pregate, ripete
Gesù; pregate sempre senza stancarvi mai.
Non ha senso nella vita cristiana l’inge-
nuità e l’ottimismo di posa di chi ignora e
persino nega l’azione di satana e quindi ne
diventa vittima senza accorgersi. “L’uomo -
ci ricordano i padri del Concilio- si trova
incapace di superare da sé medesimo gli
assalti del male, così che ognuno si sente
come incatenato. Ma il Signore stesso è
venuto a liberarlo e a dargli forza, rinnovan-
dolo nell’intimo e scacciando fuori il princi-
pe di questo mondo”(Gaudium et Spes, n.13).
Ecco perché “chi prega si salva, chi non
prega si danna”. Per questo satana cerca di
distoglierci dalla preghiera con tutte le forze,
le seduzioni, i pretesti, anche in apparenza
buoni; e ha buon gioco quando trova l’anima
sguarnita dalla difesa di Dio, perché non
prega.
Vivere la S. Messa - Qui Maria ci esorta
a essere responsabili. Responsabili di che?
Della nostra vita, che ha solo un senso,
perché appartiene a Dio; della nostra voca-
zione cristiana, di tutti quelli che attendono
la nostra testimonianza per orientarsi al bene;
di tutta la Chiesa, che non possiamo tradire
e per la quale non possiamo essere pesi
morti. Occorre essere decisi perché la chiave
della vita l’abbiamo in mano noi: tutto di-
pende dal nostro volere.
Per non lasciare la vita in balia di satana,
Maria ci insegna a consacrare ogni giorno
a Dio nella preghiera,
perché l’avversario
non possa trovare in noi alcuno spazio per sé.
In pratica: nella preghiera del mattino consa-
crare a Dio la nostra giornata (per esempio
con la consacrazione del Montfort), chieden-
dogli la sua benedizione (e quella di Maria).
Poi c’è l’incontro di Dio della sera in cui
tiriamo le somme, per chiedergli perdono,
dirgli grazie e offrirci di nuovo a Lui.
Qui Maria torna a parlarci della più gran-
de preghiera: cioè della S.Messa, come vita,
non come abitudine. L’abitudine è un perico-
lo perché può rendere inefficace il mistero
più grande della terra, la leva che può muo-
vere il mondo. La Messa diventa vita quando
portiamo nella vita l’opera di Gesù, che nella
Messa si rinnova e diventa nostra: quindi la
sua offerta totale al Padre e il suo donarsi agli
uomini.
Così la Messa ci rinnova, facendoci di-
ventare specchio di Gesù nel mondo. E’ vero
che siamo deboli, ma Gesù ci accoglie sem-
pre a Messa col perdono. Andare a Messa e
uscire senza che nulla cambi e senza alcun
proposito, con le stesse divisioni, con gli
stessi egoismi: ecco lo scandalo che fa sca-
dere il valore della Messa presso i lontani
fino a fargliela abbandonare.
Vivendo ogni giorno la S.Messa senti-
rete il bisogno della santità e crescerete in
essa. Se ora la Madonna parla della S.Messa
quotidiana, è perché ha fiducia che il piccolo
esercito dei suoi figli rimasto, per grazia, più
fedele, possa puntare decisamente più in
alto. Resta vero quello che la Vergine ha
detto una volta ai veggenti: “Se doveste
scegliere tra la mia apparizione e la S.Messa,
scegliete la Messa, perché nella Messa in-
contrate mio Figlio”.
Poi Maria ci assicura che ci è vicina e
intercede presso Dio per ognuno di noi.
Dice espressamente “per ognuno di noi”
perché nessuno si senta meno amato o meno
chiamato. E dice anche il perché: “perché
Dio vi dia la forza di cambiare il cuore”
don Angelo
Dio e satana
Il peccato ha la sua origine nel desiderio
dell’uomo di sostituirsi a Dio; ogni tentativo
fatto in questa direzione comporta uno scon-
volgimento del piano divino e, di conseguen-
za, dell’ordine naturale voluto da Dio; si
passa così sotto il dominio di satana, principe
e principio del rifiuto a Dio. Scatta il grande
inganno:il miraggio della indipendenza da
Dio si risolve nella schiavitù da satana; non
solo non si conquista, ma si perde la libertà;
si viene trascinati e usati da satana a suo
piacimento.
Abbiamo la possibilità di scegliere fra lo
spirito di Verità e lo spirito di menzogna e in
questa possibilità di scelta consiste la nostra
libertà e dunque la nostra responsabilità.
E’una scelta che siamo chiamati a fare non
una volta per tutte ma ogni giorno, ogni
istante della nostra vita; è una scelta non
intellettuale, ma esistenziale.
Vivere la preghiera, vivere soprattutto la
S.Messa, significa stabilire un contatto reale
con Dio, progredire nella santità e dunque
consentire allo Spirito di generare in noi
Gesù che è Figlio Unico di Dio. Questa via di
assimilazione a Dio non è più un miraggio,
perché non è più la promessa ingannevole
dello spirito di menzogna che seduce il nostro
orgoglio, ma è frutto del seme posto dallo
Spirito di Verità nel nostro cuore, accolto,
facendo nostro l’umilissimo Fiat di Maria e
portato a maturazione con la preghiera e con
la consacrazione quotidiana. Nuccio
are da sé il futuro, senza Dio, senza eternità...
Per questo la Madonna cerca oggi qual-
cosa di nuovo: Ella cerca i “dieci giusti” (e
tanti di più, se si fanno le debite proporzioni
tra la Sodoma di allora e quella di oggi).
Cerca quei cristiani che vogliono essere il
sale della terra e la luce del mondo.
“Sappia-
te che voi oggi siete il sale della terra e la luce
del mondo”(25.10.1996).
Dio oggi cerca quel “Resto fedele” di cui
parlano i profeti, quei “giusti” attraverso i
quali questo povero mondo, attratto e oscu-
rato da satana, possa ancora una volta essere
salvato e risanato. Gesù Cristo ci ha offerto
l’incredibile grazia di partecipare all’opera
di riscatto con Maria.Con l’infinito Suo amore
la Madonna educherà quei cristiani credenti
che già oggi vivono nell’amore per Dio e per
il prossimo e che come Paolo dicono: Com-
pleto nel mio corpo ciò che manca ai
patimenti del Cristo per il suo corpo, che è
la Chiesa
(Col 1,24).
* *
Tutta la Chiesa
preghi per il Papa
Signore, non lasciarlo cadere nelle
mani dei suoi nemici”(così finisce l’antica
preghiera Pro Pontifice)
Salga a Dio una preghiera incessante per
il S.Padre, come saliva dalla prima Chiesa di
Gerusalemme per Pietro in prigione. Sappia-
mo che cosa rappresenta oggi per la Chiesa
e per il mondo questo Papa, vero baluardo
a difesa della verità. E’ evidente che Maria
l’ha difeso e continua a difenderlo prodigio-
samente dai tanti complici di satana che
insidiano alla sua persona. Ma la Madonna
ha bisogno di tutti noi per trattenere la mano
dei nemici che tramano in modo subdolo
contro di lui: “la mano degli Erode, dei
Giuda, dei Caifa e dei Pilato di oggi, affinché
risplenda vittoriosa sul maligno la potenza
infinita della misericordia del Padre”. Così il
vescovo Paolo M. Hnilica ci esorta a prega-
re assieme ogni giorno per il Papa, con la
preghiera composta da Leone XIII “contro
satana e gli angeli ribelli”
. Eccola:
San Michele Arcangelo, difendici nella
battaglia. Sii tu la nostra difesa contro la
perfidia e le insidie del diavolo. Domini su di
lui Iddio - te ne preghiamo supplichevoli. E
Tu, Principe della Milizia Celeste, forte del-
la potenza divina, ricaccia nell’inferno satana
e gli altri spiriti maligni, che si aggirano nel
mondo a perdizione delle anime”.
Facciamo pregare i piccoli - Ancora lo
stesso Vescovo così si rivolge alle “famiglie
mariane”
: “Nello spirito del messaggio di
Fatima e in vista degli immensi impegni che
attendono Giovanni Paolo II per il Grande
Giubileo del Duemila, dal momento che
siamo nell’anno dello Spirito Santo, vi invito
a far pregare i vostri figli e figlie più piccoli
(5-10 anni) con un Rosario, o almeno dieci
Ave Maria, per il S.Padre e per le intenzioni
della Madonna, per un anno intero, la sera
prima di andare a dormire.
Questa speciale novena di preghiera per
il Papa potrà essere donata a Dio dalla vostra
famiglia.Se voi farete pregare così i vostri
bambini piccoli , allora Dio vi promette,
come ai tre pastorelli di Fatima, che attraver-
so la preghiera porterà la pace e proteggerà
la vita del S.Padre, ma anche la vostra vita
familiare, così minacciata dalla televisione,
che è diventata, soprattutto la sera la regina
delle nostre case!”
(P.M.Hnilica)
Maria cerca i giusti
perché Dio “faccia grazia”
Perché le apparizioni di Maria in questo
tempo si moltiplicano, durano così a lungo e
spesso sono accompagnate da lacrime? L’uo-
mo ha tolto Dio dal cuore. Da allora anche la
pace è andata perduta. Non c’é più pace tra
Dio e l’uomo, nelle famiglie, tra i popoli, non
c’é più pace nelle anime. Dio vuol fare uno
sforzo estremo per raggiungere il cuore degli
uomini e per questo ci manda sua Madre.
Gli inviti accorati di una madre, che ci
ripete le vie della salvezza, dovrebbero apri-
re i cuori. Eppure la gente non vuol più
capire né accettare gli ammonimenti del
cielo, al fine di trasformare il proprio cuore,
proprio come i contemporanei di Gesù, che
preferirono rimanere ciechi: “Non volete
vedere coi vostri occhi, non volete convertir-
vi perché io vi guarisca, vi perdoni, stia con
voi e vi renda beati?”(cf Giov 12,40)
Allora, quale obbiettivo vuol raggiunge-
re la Madonna oggi con queste innumerevoli
apparizioni? Maria sembra dire: “Io non
voglio rimproverarvi ulteriormente” (28.01.
87). Poiché tutte le parole di rimprovero
pronunciate a Fatima, a Lourdes, a La
Salette...sono cadute nel vuoto, hanno colpi-
to orecchie sorde. I cuori non si sono aperti
ma induriti. L’uomo ha voluto egli stesso
essere signore, decidere personalmente, cre-
background image
Il vento dello Spirito
soffia su Cuba
Le folle immense, l’entusiasmo della
gente, il rispetto e l’attenzione di Fidel Castro
hanno accompagnato il Papa nella sua storica
visita pastorale a Cuba (21-26 gennaio) con-
dotta docilmente e trionfalmente sotto l’azio-
ne dello Spirito Santo. Il seme gettato dal
Santo Padre darà il suo frutto e “nulla a Cuba
sarà più come prima”.
Nell’omelia di domenica 25 gennaio,
all’Avana, presenti un milione di cubani il
Papa ha offerto una sintesi sul significato di
questa visita: “Sono qui fra voi come messag-
gero della Verità e della Speranza”. Anzitutto
si è rivolto ai cattolici: “Noi tutti siamo stati
battezzati in un solo Spirito per formare un
solo corpo (1 Cor 12,13), il Corpo mistico di
Cristo che è la Chiesa. La Chiesa a Cuba
quindi non è né sola né isolata, al contrario fa
parte della Chiesa universale diffusa nel
mondo intero. Trovandomi qui tra voi, voglio
recarvi la buona notizia della Speranza in
Dio. Come servitore del Vangelo, vi porto
questo messaggio d’amore e di solidarietà
che Gesù Cristo, con la sua venuta offre agli
uomini di ogni tempo. Non si tratta né di una
ideologia né di un sistema economico o po-
litico nuovo, bensì di un cammino di pace,
giustizia e libertà autentiche”.
A Cuba ancora mancano quelle garanzie
di libertà e autonomia caratteristiche di un
paese democratico, tuttavia già da qualche
anno è iniziato il disgelo tra la Chiesa e il
regime che ha consentito ai cattolici una
maggior libertà d’azione.
Giovanni Paolo II ha parlato di questo
difficile rapporto Stato-Religione. Ha detto
la verità nella carità, senza umiliare, senza
rinfacciare. Parla a “quei regimi” che hanno
preteso di ridurre la religione alla sfera
meramente individuale, spogliandola di ogni
influsso o rilevanza sociale. Lo stato, lontano
da ogni fanatismo o secolarismo estremo,
deve promuovere un clima sociale sereno e
una legislazione adeguata, che permetta ad
ogni persona e ad ogni confessione religiosa
di vivere liberamente la propria fede, espri-
merla negli ambiti della vita pubblica e poter
contare su mezzi e spazi sufficienti per offrire
alla vita della Nazione le proprie ricchezze
spirituali morali e civiche”.
La giustizia che la Chiesa propone. Il
Papa ha dapprima toccato i temi sociali indi-
cando la Chiesa come “Maestra in umanità
che propone la cultura dell’amore e della
vita.
Per questo è necessario continuare a
parlare fino a quando nel mondo ci sarà
un’ingiustizia, per piccola che sia. Ci sono
sempre persone che hanno bisogno della
voce della Chiesa perché vengano ricono-
sciute le loro angosce, i loro dolori e le loro
miserie: la Chiesa è con loro e il Papa abbrac-
cia tutti coloro che subiscono l’ingiustizia”.
Ha però ricordato la realtà spirituale
della Chiesa che non limita la sua missione
alla promozione sociale dell’uomo: “La Chie-
sa nel portare a termine la propria missione,
propone al mondo una giustizia nuova, la
giustizia del regno di Dio
(cf Mt 6,33).
Questo è il grande cambiamento che la socie-
tà attende e di cui ha bisogno; lo si potrà
raggiungere solo se prima avrà luogo la con-
versione del cuore di ognuno
come condi-
zione per i necessari mutamenti della società.
La verità a cui si riferisce Gesù non è solo
la comprensione intellettuale della realtà,
bensì la verità sull’uomo e la sua condizione
trascendente, sui suoi diritti e doveri, sulla
sua grandezza e i suoi limiti. Questa libera-
zione non si riduce agli aspetti sociali e
politici, ma raggiunge la sua pienezza nel-
l’esercizio della libertà di coscienza, base e
fondamento degli altri diritti umani”.
Per coniugare libertà e giustizia sociale
sviluppo e solidarietà, il Pontefice ha ricorda-
to come la “ Dottrina sociale della Chiesa
costituisce uno sforzo di riflessione e una
proposta che cerca di illuminare e di concilia-
re i rapporti tra i diritti inalienabili di ogni
uomo e le esigenze sociali”. Da qui l’impor-
tanza di conoscere questa dottrina da parte
del laicato cattolico che è chiamato ad appli-
carla nei diversi ambienti sociali. Il Papa
auspicando il superamento del “falso conflit-
to tra la fede in Dio e l’amore e il servizio alla
patria” ha citato l’insegnamento di Josè Martì
patriota cubano del secolo scorso e uomo di
fede: “Un popolo non religioso è destinato a
morire, poiché in esso nulla alimenta la vir-
tù”.
La platea cubana ha ripetutamente inter-
rotto il discorso del Papa con applausi tanto
che lo stesso Pontefice ha più volte scherzato:
“Siete un uditorio molto attivo”; “Gli applau-
si piacciono al Papa perché così si riposa”;
“Grazie ma adesso basta, ho ancora una
pagina da leggere”. E alla fine , riferendosi al
vento ha detto: “Questo vento è segno dello
Spirito Santo che oggi soffia su Cuba”. L’ome-
lia si è conclusa con un appello a “lasciarsi
illuminare da Gesù Cristo, ad accettare senza
riserve lo splendore della Sua verità”, e con
un’invocazione alla “Virgen de la Caridad
del Cobre”, Regina di Cuba.
Anche Fidel Castro ha seguito attenta-
mente la cerimonia al termine della quale ha
stretto calorosamente la mano del Papa. Uo-
mini, donne, preti, al momento della Messa
sono andati ad augurargli la “Pace del Signo-
re”. Il “leader maximo” di Cuba che aveva
già avuto parole di stima per il Papa da lui
definito “uomo eccezionale, pieno di carisma
e una tempra da lottatore” , al termine della
visita ha detto di aver accolto con profondo
rispetto “anche quelle parole su cui poteva
non essere d’accordo”. Forse sarà rimasto
sorpreso nel dire le parole del Papa ai giova-
ni: “Non siete figli della rivoluzione ma
della risurrezione”
e ancora: “Non abbiate
paura aprite le famiglie e le scuole ai valori
del vangelo che non costituiscono un perico-
lo per nessun progetto sociale”. Avrà forse
capito che la Chiesa non è più un nemico da
combattere. Non lo è mai stata!
Mirko
Il coraggio della verità alla fine paga. Il
Papa sta dalla parte della verità e per questo
non ha mai taciuto sull’oppressione dei regi-
mi liberticidi dell’Est, anche quando si face-
va buon viso a cattivo gioco, e alla fine questi
sono crollati. Così ieri non ha taciuto sulla
triste situazione di Cuba.
Già sull’aereo che lo portava nell’isola,
alla richiesta di un giornalista “che cosa
vorrebbe ascoltare da Castro in questa visita
storica”, egli ha risposto: “Io voglio ascoltare
sempre e dappertutto la verità. Voglio che lui
mi dica la verità, come uomo, come presiden-
te...Voglio ascoltare anche la verità sul Pae-
se, sulle relazioni tra Chiesa e stato, su tutto
ciò che è importante. Il Presidente cubano sa
bene chi è il Papa e se lo invita, vuol dire che
ha pensato prima di invitarlo, che cosa poteva
dire...”. E già qualcosa si è mosso a Cuba.
Cento prigionieri politici sono stati liberati e
apettiamo d'altro. E si respira un'altra aria.
Civitavecchia:conclusioni positive
incoraggiamenti di Ratzinger,
l’ultima parola spetta al Papa.
Il 19 gennaio 1998 il vescovo, mons.
Girolamo Grillo, ha convocato i fedeli, i
sacerdoti, i religiosi, i laici per dare lettura di
una lettera pastorale circa le lacrimazioni
della “Madonnina”. Nella lettera fa il punto
positivo della situazione a distanza di tre
anni e dopo la chiusura dei lavori della
Commissione Teologica e delo studio della
Congr. della Dottrina della fede. Ora si ag-
giunge che lo studio del caso deve essere
continuato, a livello superiore, in quanto la
vicenda ha avuto risonanza internazionale e
inoltre tutto ruota intorno alla lacrimazione
avvenuta nelle mani di un vescovo, che non
può essere giudice in causa propria.
Tutta la questione, come dice la lettera,
“sta ormai in ultima analisi nelle mani del
Papa, mediante l’opera dei suoi più stretti
collaboratori”. In pari tempo il Card. Rat-
zinger
ha invitato il vescovo Grillo a “riser-
vare verso quei fedeli che giungono a
Civitavecchia, spinti da motivi di fede, quel-
la attenzione e cura pastorale necessarie per
promuovere una sana devozione verso la
Vergine Maria, secondo l’insegnamento del-
la Chiesa”. E’ quindi un riconoscimento
esplicito
che a Civitavecchia c’è un movi-
mento mariano straordinario e che non si
possono misconoscere i tanti pellegrinaggi
con i relativi frutti spirituali.
Il Vescovo ha subito delineato alcune
linee pastorali per meglio accogliere e orien-
tare spiritualmente i pellegrini. Riguardano
il sacramento della penitenza, molto richie-
sto, l’adorazione e la celebrazione eucaristica,
la presenza sacerdotale, la diffusione di un’au-
tentica devozione mariana...la costruzione di
strutture adatte e il delinearsi di un futuro
santuario, degno della Madonna.
Terzo anniversario. La risonanza della
lettera sui mass media è stata molto forte. Le
celebrazioni per il terzo anniversario della
prima lacrimazione, il 2 febbraio, hanno
visto l’afflusso di migliaia di fedeli da ogni
parte d’Italia. Nell’occasione ha visto la luce
un periodico, collegato all’URM (unione
riviste mariane), che bimestralmente colle-
gherà le migliaia di devoti sparsi ormai in
ogni parte del mondo.
Il parroco dell’epoca delle lacrimazioni,
don Pablo Martin Sanguiao, ha pubblicato
per le edizioni “Il Segno” un libro sulla
Madonnina dal titolo “Figlio, non dimenti-
care le lacrime di tua madre!”.
La copertina
mostra l’immagine della Madonnina tra il
panorama del santuario di Medjugorje e la
chiesa di S.Agostino di Civitavecchia. Con
questo accorgimento si mostra in effetti il
contenuto del libro, che vuole essere una
riflessione sui fatti di Civitavecchia, in inti-
ma connessione col messaggio della Regina
della Pace a Medjugorje.
La sera del 1 febbraio, a conclusione del
grande pellegrinaggio a piedi dal cuore della
città di Civitavecchia ( otto chilometri, per-
corsi con fede tra canti e preghiere da circa
tremila persone ) il vescovo ha benedetto,
accanto alla grande croce luminosa, donata
dai francesi di Dozoulé, alta meri 7 e 38 cm,
una grande statua della Madonna, calco di
quella venerata a Tihalina.
L’11 febbraio è stata celebrata la giornata
del malato con la presenza di tutta l’Unitalsi
della diocesi e di migliaia di pellegrini. Im-
background image
ponente la fiaccolata mariana, chiusa dalla
benedizione eucaristica ai singoli malati.
Ogni sabato e domenica la presenza dei
pellegrini è massiccia ed è stato necessario
far venire altri confessori da Roma, oltre ai
5 addetti, per le esigenze dei fedeli.
Don Augusto Baldini Parroco
Kibeho: atto di riparazione
del Vescovo dopo le stragi
predette da Maria
Il vescovo Misago è tornato per la festa
dell’Addolorata, 15 sett.96, a Kibeho, questo
sacro luogo di grazie, per i fenomeni sopran-
naturali degli anni ‘80, ora nuovo Golgota
per il sangue sparso nella lotta fratricida fra
Hutu e Tutzi. In quell’ occasione ha trasmes-
so al suo popolo questo messaggio di speran-
za nella croce:
I grandi mali che si sono abbattuti in
questi ultimi tempi sul Ruanda sembrano
essere stati predetti a Kibeho durante le
apparizioni, proprio come i drammi che han-
no colpito la Chiesa negli ultimi anni. Siamo
stati avvertiti. Non abbiamo voluto ascolta-
re. Ci è stato chiesto di pentirci e di conver-
tirci sinceramente, quando ancora eravamo
in tempo. Non siamo stati sufficientemente
pronti ad accogliere messaggi di questa na-
tura. Ho chiamato il santuario mariano di
Kibeho Santuario di Nostra Signora dei
Dolori perché le parole dette a Kibeho da
molti veggenti e i fatti osservati durante le
apparizioni, soprattutto a partire dal 1982,
riguardavano tutti il tema della sofferenza e
del suo ruolo nella vita del cristiano. Uno dei
messaggi invitava al Rosario dei Sette Dolo-
ri
della Vergine Maria e tutti siamo stati
esortati a fare penitenza, a sostenere le prove
in espiazione dei peccati del mondo e a
condividere la passione di Gesù per la Re-
denzione degli uomini”.
IL Vescovo ricorda l’apparizione in cui i
veggenti terrorizzati assistettero allo scorri-
mento di un mare di sangue per le strade di
Kigali e per tutto il Ruanda e rievoca gli
stermini dell’aprile e maggio ’94 a Kibeho e
un anno dopo le tante vittime mietute dopo la
chiusura forzata dei campi degli sfollati.
Quante persone hanno sofferto fino a piom-
bare in uno stato di prostrazione! Per questo
Mons.Misago ha proposto che Kibeho diven-
ti per tutti noi un luogo santo che ricordi
sempre il ruolo della Croce di Gesù e il valore
della sofferenza nell’esistenza cristiana sulla
terra.
Il discepolo di Gesù - ha egli concluso -
non si separa mai dalla Croce, il figlio di
Maria non è mai al riparo dalle prove.
Queste sono le parole del messaggio ricevuto
dai veggenti di Kibeho”.
Nel Santuario si
svolge un’adorazione perpetua al SS.Sacra-
mento, esposto nella cappella provvisoria,
poiché la Chiesa parrocchiale ha subito danni
gravisssimi. Alcuni gruppi di pellegrini han-
no chiesto la costruzione di una basilica, ma
Mons.Misago ricorda che la Vergine non ha
parlato di una basilica, ma solo di una cappel-
la, o meglio di due cappelle, una piccola e una
grande.
(cf Il Segno del soprannaturale, ott ’97)
Notizie dalla terra benedetta
Medjugorje in preghiera
per il Papa in attesa del Giubileo.
Così hanno scritto al Papa i frati e pelle-
grini di Medj., in data 1 gennaio 1998:
“Beatissimo Padre, dal cuore della Bosnia
Erzegovina vogliamo consolarLa con una
promessa che abbiamo fatto alla Regina della
Pace che da più di sedici anni appare in
questo luogo che è divenuto un centro inter-
nazionale di preghiera e di conversione visi-
tato da milioni di pellegrini, centinaia di
vescovi e decine di migliaia di sacerdoti.
Santità, questa è la nostra promessa a Lei:
la Parrocchia di Medj. in vista dell’ormai
prossimo Grande Giubileo, vuole offrirLe il
sostegno di una preghiera quotidiana e spe-
ciale per il Suo Ministero universale con
questa intenzione: che Giovanni Paolo II
apra la Porta Santa nel S.Natale del 1999.
La Madonna fin dall’inizio nei suoi
messaggi ha ripetutamente chiesto a noi tutti
di pregare in modo particolare per il Papa
perché Lei ha un progetto particolare per Sua
Santità. Noi oggi più che mai ci rendiamo
conto che questa enorme battaglia spirituale-
che in Bosnia Erzegovina abbiamo angoscio-
samente sperimentato nella guerra- può esse-
re vinta solo con le armi evangeliche che la
Madonna ci ha ricordato: la preghiera, il
digiuno, la conversione del cuore, la vita
sacramentale, il rosario, la consacrazione al
Suo Cuore Immacolato.
Consapevoli della nostra responsabilità
pastorale, la quale è stata ampliata dalle
apparizioni che hanno attirato milioni di pel-
legrini, sentiamo il dovere di far pregare i
pellegrini che qui si recheranno più partico-
larmente per Lei, carissimo Santo Padre.
Questa ispirazione pensiamo che venga vera-
mente dalla Regina della Pace che ci chiede
di mettere spiritualmente Med. al servizio di
Sua Santità attraverso un ministero di inter-
cessione, affinché la grazia della preghiera
che tanti cuori hanno ricevuto, possa diffon-
dersi nel mondo anche con il contributo di
Medj. a sostegno di Giovanni Paolo II, Papa
di Maria: che Lui possa portare a termine il
compito che Dio gli ha affidato.
Un Vescovo messicano
che non teme di rischiare l’onore:
“Qui si rinnova la Chiesa”
All’inizio di novembre Lazaro Perez,
della diocesi di De Autlan Jalisco, è venuto
in visita a Medjugorje insieme ad un gruppo
di pellegrini. Riportiamo alcune sue impres-
sioni: “Medj è molto conosciuta in Messico.
Io sono venuto a conoscenza di Medj per la
prima volta 15 anni fa. Devo essere sincero
e dire che quando noi vescovi veniamo a
conoscenza di notizie relative ad apparizioni
e fenomeni simili, siamo generalmente cauti
nelle nostre dichiarazioni.
Abbiamo sempre timore di confermare le
notizie relative alle apparizioni, poiché ab-
biamo paura che questo credere sia fragile e
che potrebbe evolversi in fanatismo. Questa
era la mia convinzione personale agli inizi. Il
mio grande interesse è iniziato dal momento
in cui casualmente mi sono imbattuto nel
libro del teologo P.Laurentin, nel quale egli
scriveva delle apparizioni in tutto il mondo.
Ho letto questo libro con grande interesse e
vi ho trovato una frase toccante: ‘Attraver-
siamo un ‘epoca nella quale i giardini della
Chiesa non danno più frutto ed è giunto il
momento che la Vergine venga a rinnovarli
e a dare loro nuova freschezza’.
Sono giunto
alla conclusione che i problemi che esistono
nella Chiesa non siano risolti e che forse ne
sono responsabili i pastori. Io mi sono sentito
uno di loro.
Abbiamo bisogno di santi sacerdoti e
pastori che si impegnino a vivere secondo
Gesù Cristo il Buon Pastore ed il S. Cuore di
Gesù.” La mancata soluzione dei problemi
della Chiesa ha “aperto le porte all’ateismo,
al secolarismo, ad una società consumistica
che hanno creato una cultura di valori in
contrapposizione con l’insegnamento evan-
gelico.
Un amico teologo mi ha consigliato di
non andare a Medj. dicendo che egli non
avrebbe rischiato la propria dignità di teolo-
go. Il Prof.Laurentin mi ha detto che tali
teologi si servono della dottrina mariana per
l’insegnamento, ma non hanno un rapporto
sentito nei confronti di Maria. Tutto questo
mi ha aiutato a risvegliare in me un grande
interesse nei confronti della Vergine. Io ri-
tengo che bisogna anzitutto prestare molta
attenzione ai frutti di Medjugorje e posso dire
di aver notato molti buoni frutti. Inviterò i
miei fedeli a venire a Med.. Peccato che sia
così lontana dal Messico”.
Mons. Perez ha riferito dell’incontro con
Vicka, nel quale la veggente ha ribadito
l’importanza dei messaggi della Vergine sul-
la conversione, il digiuno, la preghiera, il
perdono, la Santa confessione. “Personal-
mente ritengo quanto segue: se la Vergine
cerca, per mezzo di Cristo, di far rinascere
questi valori, allora questo dovrebbe essere il
compito fondamentale di ogni sacerdote e in
modo particolare di noi vescovi. Bisogna
mostrare ai nostri fedeli che c’é una via di
salvezza in questo mondo poiché Cristo è la
nostra via, Cristo è il nostro Salvatore e qui
vediamo che la Madre del Cristo ci invita a
questo: vivere ciò che ci guida alla salvezza.”
L’Assoc. “Medjugorje per i bambi-
ni” fondata dal pianista svizzero Mauro
Harsch nel 1987, un anno dopo la sua guari-
gione fisica e spirituale, ha celebrato nell’ot-
tobre scorso il decimo anniversario della
propria attività. Si tratta della prima associa-
zione benefica sorta su ispirazione degli av-
venimenti di Medj. Ora è attiva in vari Paesi
del mondo e ha lo scopo di fornire aiuto
concreto ai bambini bisognosi e particolar-
mente ai più poveri, agli orfani, agli abban-
donati. In particolare ha aiutato la realizza-
zione a Medj. del “Villaggio della Madre”,
composto di una ventina di casette, ciascuna
per sette orfani e relativi educatori: di esso si
occupa P.Slavko. [Ora accoglie anche ragaz-
ze abbandonate in attesa di maternità, che
altrimenti avrebbero abortito].
Viaggio missionario di fra Ivan - Su
invito dei missionari croati del Canada e
degli USA, il parroco di Medj., fra Ivan
Landeka, ha trascorso le feste natalizie e del
nuovo anno, visitando i centri di preghiera e
di cultura croati. All’Aja poi ha visitato i
detenuti croati deferiti alla Corte Internazio-
nale e ha avuto il permesso di celebrare il
Natale con loro.
“Il personale è stato molto cortese -ha
detto fra Ivan-. I detenuti vestiti a festa erano
ben disposti. Ho potuto parlare con ciascuno
di loro e confessare quelli che lo desiderava-
no. Alla Messa hanno cantato canti natalizi e
si sono divisi letture e preghiere dei fedeli.
* Viaggio a Medjugorje
- Pullman giorna-
liero da Trieste (vicino a staz. FFSS) ore 18, con
arrivo a Medj. alle 08 del mattino successivo;
riparte alle 18 da Medj. con arrivo a TS alle 08 (tel
040-425001; £ 108mila, con prenotazione, a/r).
Per mare traghetto da Ancona, lunedì, mercoledì,
venerdì ore 21, sabato ore 22: tel. 071-55218, fax
202618 (ag. Mauro), opp. tel. 071-204915, fax
202296 (ag. Morandi).
background image
Alla fine allegria attorno ad una tavola
imbandita, con tanta gioia da parte loro”.
5 Seminari di digiuno e preghiera,
organizzati e condotti da Fra Slavko Barbaric,
si terranno nella Casa di preghiera Domus
Pacis in preparazione alla S.Pasqua, come
ormai è consuetudine da alcuni anni. Il primo
inizia il 2 marzo e l’ultimo si conclude pro-
prio prima di Pasqua. (fax 00387-88-651444)
La testimonianza di P.Michel O’Ca-
roll - P.O’Caroll, irlandese, noto esperto di
mariologia, ha scritto, oltre a opere famose su
Maria, anche un libro su Medj.. Venuto di
nuovo con molti pellegrini irlandesi e ha
dichiarato: “Medj. è un gran dono alla Chiesa
di oggi. Cresce e si diffonde continuamente.
E’ meraviglioso vedere l’ardore della pre-
ghiera, la forte fede del popolo e la moltepli-
cità di confessioni e confessori. L’interces-
sione e il potere della Vergine qui sono
evidenti. Lo riconosce anche il Papa. Quando
il vescovo Kim, della Corea del Sud, gli ha
detto di essergli molto grato per la liberazio-
ne dell’Europa dell’est dal comunismo, il
Papa ha risposto: “La gratitudine non va a
me, ma alla Vergine di Fatima e di Medj.”. Io
qui, vivo sempre un rinnovamento della mia
fede e dello spirito della preghiera!”
Alla domanda perché nella Chiesa c'è
tanta opposizione a questo avvenimento, ha
risposto: “Nella Chiesa si verifica un’aposta-
sia. Io personalmente, come gli altri esperti
mariani, vedo in Medj. il proseguimento di
Fatima... Da noi in Irlanda, grazie a Medj.,
molte persone hanno ritrovato la propria fede,
la preghiera, i sacramenti ed in modo partico-
lare la confessione. La Vergine ci conduce a
Gesù e ci apre allo Spirito Santo.
Cosciente di tutti questi fatti, tanto evi-
denti, anche per me è un vero mistero che la
Chiesa ufficiale non accetti tutto questo. Ma
per noi non deve essere un problema. Noi
dobbiamo cercare di rispondere agli inviti di
Maria, e tutto il resto verrà quando la Prov-
videnza lo vorrà. Proteggete Medj.. E’ una
speranza per tutti noi!”. (dal Press Bullettin)
Suor Emmanuel ha passato i primi giorni
di febbraio in Malesia, Singapore e Austra-
lia
per parlare del Cuore di Maria secondo
l’insegnamento di Medj.. In Malesia ha avuto
la gioia di incontrare dei vescovi che hanno
incoraggiato i loro preti ad aprire le loro
Chiese per delle serate nello spirito di Medj..
L’esempio di un vescovo mi ha partico-
larmente commossa. Dopo il suo ritorno da
Medj., vive i cinque punti, pratica i due giorni
di digiuno e anima grandi veglie di preghiera
nella sua cattedrale. Egli passa tutta la notte
del 1° venerdì del mese davanti al SS. Sacra-
mento, col suo popolo in preghiere, canti,
insegnamenti: un fervore e una semplicità
commoventi. Risultato: nella sua cattedrale
si contano centinaia di battesimi all’anno.
I giovani nelle assemblee sono splendidi.
Dopo la conferenza chiedono spiegazioni per
mettere in pratica meglio le richieste di Ma-
ria: non venivano certo per turismo spiritua-
le, ma come poveri felici di avvicinarsi a
Maria. In Australia P. Tim Deeter mi ha
accompagnato negli incontri fatti nelle Chie-
se e nelle scuole: la sua testimonianza meri-
terebbe un libro.
“Attenzione alle false voci” ha detto
Vicka recentemente. I veggenti di Medj. af-
fermano che la Madonna non ha mai detto
che le apparizioni quotidiane cesseranno pre-
sto né che i segreti saranno prossimamente
svelati. La Madonna, invece, ripete l’invito a
pregare per le Sue intenzioni ed a vivere
fedelmente quello che Lei ci chiede.
E nemmeno la Madonna ha detto di fare
quattro giorni di preghiera e di digiuno a
causa di una guerra imminente! Sono voci
incontrollate, che magari partono da un pel-
legrino che ha capito male una parola...e
girano per tutto il mondo. Ma noi sappiamo
come si vincono le guerre. Più saranno quelli
che vivono i messaggi di Maria e che vivono
la pace nel loro cuore, più presto sarà ridotto
all’impotenza l’autore di tutte le guerre.
Alla S.Vergine il volante della nostra
vita - Un anziano sacerdote così rispose, a
Medjugorje, ad una giovane che si chiedeva
con ansia quale fosse il piano di Dio sulla
propria vita: “Quando di notte vai in automo-
bile da Avignone a Marsiglia, i fari della tua
vettura non illuminano tutti i cento chilome-
tri del percorso; rischiarano solo quel pezzo
di strada di cui hai bisogno. La S.Vergine fa
lo stesso quando ti guida. Lei vuole portarti
in Paradiso, ma non ti illumina tutto il percor-
so, bensì solo il pezzo di strada necessario per
andare avanti. Se tu cerchi di vedere un
chilometro più in là, rischi di saltare la curva
illuminata davanti a te. Parimenti, rimanendo
con gli occhi incollati allo specchietto retro-
visore c’é il rischio di finire contro un albero.
Vivi dunque giorno per giorno, affidati alla
S.Vergine!”
Un anno dopo la giovane dichiara: “Quel
consiglio ha cambiato la mia vita; ho rimesso
il mio avvenire nelle mani della Madre di Dio
e le inquietudini e la paura hanno lasciato il
posto alla gioia profonda di sentirmi al sicuro
con Lei. Alcune settimane dopo il mio incon-
tro con quel sacerdote, Gesù mi ha chiamato
a una svolta radicale. Fortunatamente ero già
ben disposta, altrimenti non avrei potuto
accogliere la Sua chiamata ed ancor meno
donarGli il mio sì. Prego per i giovani, perché
affidino il loro avvenire a Maria e cessino di
tormentarsi: abbandonarsi a Lei è mettersi al
sicuro. Quando accendete i fari della vostra
vettura, rinnovate il vostro sì a Maria per
vivere il vostro oggi!”
Saloni al posto delle tende. Continuano
i lavori di risistemazione nella parrocchia di
Medj. Una delle grandi tende verdi è già stata
smontata; al suo posto sorgerà una sala per
conferenze modulabile in tre parti; potrà con-
tenere migliaia di persone.
Un cardinale a Medjugorje? L’arcive-
scovo di Vienna, mons. Christoph Schönborn,
è stato creato cardinale da Giovanni Paolo II
il 21 febbraio. Il 26 settembre scorso egli
permise a P.Jozo di parlare di Medj. nella sua
Cattedrale, per l’occasione stracolma. P.Jozo
ci ha raccontato qualcosa della conversazio-
ne avuta con lui in arcivescovado: “Egli ha
molto ben compreso il significato di Medj.,
così come il movimento che ne è venuto.
Io gli ho fatto presenti molto apertamente
le nostre difficoltà, ma soprattutto i frutti che
provengono dalla Madre di Dio, dalle sue
apparizioni e dai messaggi che Ella dà a Med.
da più di sedici anni. Il Card. Schönborn mi
ha parlato del cardinale Ratzinger, dicendo-
mi che egli riconosce l’importanza dei frutti
di Medj. Inoltre ha sottolineato che quasi tutti
i candidati che si trovano nel suo Seminario
hanno avuto la chiamata al sacerdozio attra-
verso Medj. Io l'ho invitato a venire a Medj.
e mi ha risposto che sarebbe bene che un
giorno venisse. Infine m’ha incoraggiato a
lavorare al servizio della S.Vergine”.
(dal Diario di suor Emmanuel)
Intervista a Marija:
dalla preghiera il dono della fede
Riportiamo succintamente alcuni passi
dell’intervista concessa a Monza il 14 genna-
io scorso da Marija ad Alberto Bonifacio.
Alla domanda se Marija è a conoscenza di
cosa pensi il Papa su Medjugorje la risposta
è molto articolata e ricca di testimonianze che
provano - come tutti sanno - un interesse
reale del Papa, il quale “legge anche l’Eco di
Medjugorje”. E quando Alberto chiede: “Ma
lui personalmente crede a Medjugorje secon-
do te?” Marija risponde: “Sì. Sì perché in
diverse occasioni ha detto che crede”.
Successivamente A. domanda se è vero
che la Madonna abbia chiesto ai veggenti di
scegliere la vita religiosa. La risposta è “No!
la Madonna non ha mai fatto un invito espli-
cito per la vita religiosa. [Il desiderio espres-
so agli inizi dalla Madonna non era né un
invito né una sollecitazione, cf anche S.Paolo,
1 Cor 7,7, ndr]. Noi all’inizio avevamo letto
su Lourdes e Fatima e abbiamo pensato che
le apparizioni durassero al massimo 18 volte
come a Lourdes e che la nostra vita dovesse
finire in convento come per Bernardetta e
Lucia. Io ero convinta al mille per mille che
dovevo entrare in convento, così pure Ivan e
gli altri hanno cercato questo cammino”. Poi
con semplicità Marija racconta come varie
vicende l’abbiano convinta a scegliere la vita
coniugale e come ora riesca a conciliare la
vita di famiglia (ha tre figli) con il ruolo di
veggente.
A. chiede se dopo più di 16 anni di
apparizioni sia cambiato il suo rapporto con
la Madonna e M. risponde che nulla è cam-
biato, che Maria appare sempre la stessa, anzi
se possibile “anche più giovane dei primi
giorni. Solo, - aggiunge Marija - adesso noi
siamo più maturi e questa nostra crescita
continua, grazie a Dio con la Madonna”.
M. sottolinea poi, anche mediante testi-
monianze di cui è a conoscenza diretta, come
attraverso la sofferenza sia possibile incon-
trare Gesù e quindi come la croce sia real-
mente mistero di salvezza ed invita ad offrire
la sofferenza per i fratelli e per le anime del
purgatorio. A., di fronte alle sofferenze di
una sorella, chiede se non era sufficiente
l’offerta di Gesù sulla croce, fino all’ultima
goccia di sangue, per la nostra salvezza:
perché nel piano salvifico Dio chiede anche
la nostra sofferenza? Marija risponde: “Spes-
so diciamo che la sofferenza è un mistero, ma
io dico sempre: ‘Attraverso la sofferenza noi
incontriamo Gesù sulla croce’.
Quante persone mi dicono: se non avessi
avuto questa sofferenza, non mi sarei mai
avvicinato a Gesù...Noi ci lamentiamo tanto
della morte dei nostri cari: era giovane, pote-
va scampare di più. Vorremmo una vita
lunga, ma non pensiamo più all’eternità. Pre-
ghiamo per le persone che assistono i
sofferenti, che li aiutano a offrire la sofferen-
za anche per gli altri.
Alla domanda circa la durata delle appa-
rizioni M. risponde che non sa se e quando le
apparizioni cesseranno ed aggiunge: “Una
volta abbiamo chiesto alla Madonna quando
finiranno le apparizioni” e la Madonna ha
risposto: “Vi siete stancati di me?” Da quel
momento noi abbiamo detto: “Non chiedia-
mo più”.
A. chiede: “Con il perdurare di un mondo
così perverso, noi vediamo aborti, divorzi,
criminalità, emarginazione, guerre... La Ma-
donna secondo te continuerà a versare lacri-
me oppure verranno dei castighi sull’umani-
background image
tà?”. M. risponde: “Io sempre dico che la
Madonna vuole, come una maestra, rieducar-
ci... Una persona che non ha Dio al primo
posto della sua vita è capace di fare tutto,
rubare, uccidere, ecc.”. Al primo posto met-
tere Dio: tutto il resto viene di conseguenza.
“Ecco, io penso che la Madonna è venuta
per rieducarci alla fede...Ho visto che la
Madonna proprio ci porta Gesù, ci indica la
Chiesa, ci indica il gruppo di preghiera dove
possiamo incontrarci e pregare insieme, aiu-
tarci, scambiare le esperienze della vita quo-
tidiana. La Madonna ogni giorno ci butta in
un modo o nell’altro in questa realtà della
fede. Al momento Lei ha detto: la fede è un
dono, attraverso la preghiera potete avere
questo dono della fede e ci dice: pregate per
avere questo dono della fede”.
Per l’intervista completa con videocassetta:
“Videomission” (P.Aldo Rottini) Via Piamarta
9 - 25121 Brescia - 030/3772780.
Ai giovani: come rispondere
alle provocazioni di oggi
Si è svolto a Numana (An), dal 3 al 6
gennaio, l’incontro sul tema “Guardare Dio
con il cuore” tenuto da P.Tomislav su espli-
cita richiesta dei giovani, presenti in circa
300. Il filo conduttore del convegno è stato il
messaggio del S.Padre in preparazione alla
XIII Giornata Mondiale della Gioventù.
I giovani, tutt’altro che spensierati, sono
venuti con il loro fardello di problematiche e
di speranze, in cerca di verità, in attesa di
risposte. “Portando un caldo saluto nello
Spirito S.” ed il suo augurio di “accogliere il
Regno di Dio che viene ed essere testimoni
della Verità”, è intervenuto Mons. Angelo
Comastri, vescovo di Loreto
e coordinatore
per l’Italia della scorsa Giornata Mondiale
della Gioventù tenutasi a Parigi, il quale ha
celebrato la S.Messa di domenica 4 gennaio.
“Rispondere alle provocazioni” è il tema
della relazione che P.Tomislav ha tenuto
lunedì 5 gennaio, della quale presentiamo in
sintesi alcuni punti.
1. La gabbia “Un topolino che sta per
lungo tempo in una gabbia, quando lo si
mette fuori muore, non resiste. Molte perso-
ne cercano Dio come un rifugio e non riesco-
no a vivere: si nascondono in un buco. Que-
sto accade sia a chi vuole rifugiarsi in un
convento, sia a chi sviluppa in sé solo un
aspetto religioso, ma non sboccia in pienez-
za: si crea una gabbia. Le persone che non si
confrontano con le prove non si sviluppano,
non si fortificano. Dio invece vuole dare a
ciascuno una personalità capace di sostenere
il confronto con tutte le provocazioni della
vita e di trovare le risposte a tutte le domande
esistenziali. La nostra vita è un mistero, ma
il mistero è illuminato dallo Spirito Santo”.
Successivamente P.Tomislav illustra con
esempi come la carenza di risposte positive
alle provocazioni della vita induca ad atteg-
giamenti di rinuncia e di superficialità che
non consentono di “entrare nel profondo e
aprirsi alla Verità piena”.
2. Quali difese scattano ad impedirci
una risposta positiva? “Stare nella gabbia
non è un atteggiamento indifferente; è un
atteggiamento distruttivo: la freddezza è una
parte dell’odio”. Chi così si atteggia distrug-
ge se stesso e gli altri. Le persone chiuse
quasi sempre tendono a giustificare il loro
atteggiamento con i “non so migliorare, non
so cosa fare” ma queste espressioni in realtà
denunciano l’abitudine e forse l’affezione
alla gabbia. “Maria - continua P.Tomislav -
non poteva capire, ma era aperta alla
onnipotenza di Dio: questa apertura permette
di rispondere alle provocazioni del mondo.
La difesa difende il male dentro di noi, difen-
de uno strato ammalato di noi stessi. Ci sono
tre cerchi di difesa: Le difese psicologiche, le
difese spirituali, le difese che satana suscita
per non permetterci di uscire dalla gabbia.
L’atteggiamento di difesa può dunque favo-
rire l’opera di satana in noi.
3. Come lasciare che Gesù risponda in
noi alle provocazioni. “L’Eucaristia viven-
te: l’opera di Gesù continua fino alla fine dei
tempi. Occorre dare se stesso perché Gesù
agisca in noi. Dare gli occhi perché Gesù
guardi, dare i piedi perché cammini e c’é chi
da tutto, anche la sua carne e il suo sangue.
Gesù vive nelle persone, in queste persone,
continua a perdonare, a incoraggiare, a fare
uscire chi sta nel buio. Noi non possiamo
rispondere alle provocazioni del mondo se
non è Gesù a farlo in noi. Gesù in noi
risponde nello Spirito Santo alle provocazio-
ni della vita ... Senza l’apertura allo Spirito
Santo non può neanche essere concepito Gesù
in noi”.
“Saper guardare come Maria ai piedi
della croce, oltre la croce, oltre la morte del
Figlio;” se i cristiani avessero questo sguardo
non sarebbero schiacciati dalle provocazioni.
Vi dico: non fuggite dalle prove; sareste in
fuga da voi stessi, dalle persone a voi più
vicine, da un posto all’altro, come Caino.
Vivete l’apertura lì dove siete.
Di solito le persone fuggono le prove. Se
state in Dio, invece, ogni vostro fallimento
diventa una forza che vi porta avanti e che
non potete scoprire né sperimentare quando
avete tutto e tutto vi va bene. Spesso nella vita
spirituale le persone vogliono raggiungere un
livello e riposarsi come Elia, fermarsi per
definire una spiritualità, una gabbia, e così
non possono crescere: rimangono bloccati.
Un fiore nella chitarra. L’ultimo giorno
del convegno un fratello della comunità ha
trovato, intrecciato nelle corde della sua chi-
tarra, un fiore e un biglietto che così diceva:
“I vostri sorrisi hanno vinto le nostre resisten-
ze; adesso che siamo più aperti, aspettiamo
fiduciosi il prossimo incontro, cosicché, più
preparati, possiamo cogliere il senso di ogni
parola... Grazie!” Nicola
Una semina di grazia il viaggio
di P.Slavko in Polonia
“Sono arrivato in Polonia su invito dei
pellegrini che erano stati a Medj, per pregare
insieme a loro e ringraziarli della fatica del
loro pellegrinaggio” ha detto P.Slavko che è
arrivato in Polonia assieme a due membri
della comunità ‘Cenacolo’, ex-tossicodipen-
denti, Boris e Niksa.
La visita dei testimoni di Medj ha susci-
tato nei polacchi un grande interesse. Tutte le
chiese, in cui si sono svolti gli incontri di
preghiera, che duravano circa tre ore e anche
di più, hanno attirato grandi folle. Nelle città
maggiori, come Cracovia, Poznan, Varsavia
ecc., arrivavano decine di pullman dai dintor-
ni e anche dalle zone più lontane. Oltre ai
circa 20.000 pellegrini c’erano anche quelli
che per la prima volta dal vivo ascoltavano i
messaggi di Medj. Alcuni milioni di persone
poi li hanno sentiti tramite Radio Maria po-
lacca.
Per la prima volta ho notato l’interesse
per Medj da parte dei mass media, giornali,
radio e televisione, compresi anche quelli
non cattolici. Dalla maniera con cui venivano
fatte le domande, si intuiva che per molti
giornalisti la questione era del tutto nuova.
P.Slavko ha sempre affermato di credere
nel fatto che i veggenti vedono la Madonna
e che i messaggi trasmessi da Lei hanno
dimensione profetica. Le sue argomentazioni
sono sempre state logiche e prive di aspetto
emotivo. Non cercava di convincere nessuno
per forza. “Per noi, cristiani, più importante
di tutto è la fede in Gesù, conforme al vangelo
e all’insegnamento della Chiesa” diceva.
“Noi Francescani, non ci sentiamo disub-
bidienti né verso il nostro vescovo, né verso
la Chiesa. Venite e convincetevi da soli.
Medj non è stata ideata dai Francescani. I
Francescani non hanno fatto altro che accet-
tare Medj, cercano di trattare seriamente i
messaggi, predicarli e viverli. I Francescani
hanno accolto su sé stessi la sofferenza di cui
è causa Medj. La Chiesa prende la migliore
posizione attualmente possibile di fronte a
questi avvenimenti, che è l’attesa.
Medjugorje è un’opera di Dio, perché
non esiste una forza umana capace di dare
tanti buoni frutti spirituali in tutto il mondo.
Sappiamo che il S.Padre desidera venire a
Medjugorje e ne abbiamo molte conferme.
Incontri non previsti dai nostri progetti
abbiamo avuto con due vescovi: a Cracovia,
e a Koszaline; una messa celebrata assieme
all’arcivescovo a Piotròw Trybunalski, e a
Czestochova con il Padre Generale del con-
vento dei paolini. Sul monte di Wawel abbia-
mo pregato presso le reliquie di S.Stanislao
e della nostra santa regina Edvige.
Incontri con i prigionieri della droga,
finiti in preghiera. Boris e Niksa hanno
dedicato il loro tempo nel testimoniare la loro
guarigione e conversione, sia nelle chiese
durante gli incontri di preghiera, sia nelle
scuole, sia nei centri di educazione, e soprat-
tutto nei centri di ‘Monar’ (per gli ex-tossico-
dipendenti) in carceri e in prigioni. Quei
giovani, simpatici e molto sinceri, erano fe-
lici e rilevavano in ognuno di quei posti, che
consideravano come grazia e onore il fatto di
poter dividere con i polacchi la buona novella
del grande amore e pietà di Dio.
Dopo uno di quegli incontri, molto fieri,
mi fecero vedere un pugno di orecchini che
i giovani si mettono negli orecchi, nei nasi e
addirittura nella lingua.. “Guarda” mi dissero
“ecco un altro successo della Gospa. Quei
ragazzi, a cui avevamo parlato della nostra
conversione e della comunità, da soli si sono
levati gli orecchini e ce li hanno dati in
cambio delle medagliette della Madonna,
che avevamo loro proposto”. “E che ne farete
di quegli orecchini?” chiesi io. “Li offriamo
alla Madonna sul Monte dell’apparizione”.
Durante uno degli incontri con tossicodi-
pendenti che scontavano la loro pena in pri-
gione, Boris e Niksa con parole forti li misero
davanti a una scelta dopo il ritorno in libertà:
“Che scelta avete? Solo una: la vita o la
morte! Non è possibile liberarsi dalla
tossicodipendenza da soli. I tuoi fermi propo-
siti non valgono un bel niente senza l’appog-
gio spirituale, la preghiera e l’aiuto di simili
a te , ma già guariti” diceva con voce dura
Boris a un giovanotto coperto di tatuaggi.
“Anch’io un giorno la pensavo come te e non
ci sono riuscito. Lo so bene cosa vuol dire
essere prigioniero. Anch’io ero dentro, solo
che la mia era una prigione militare. E vedi
- disse stendendo le sue mani - quelle mani
che un giorno non sapevano che rubare, oggi
background image
fanno del bene. Ora che Dio mi ha fatto
resuscitare, quello che faccio può essere so-
lamente un rendimento di grazie per la vita.
Non illudetevi che da soli potrete combattere
il vizio. La maggior parte dei miei compagni,
che non hanno avuto la fortuna di capitare
nella comunità, sono già morti. Gli uni si
sono suicidati, gli altri sono stati ammazza-
ti”. “Ma cosa fare se nessuno ci vuole, nes-
suno ha bisogno di noi, nessuno ci ama?” -
chiedevano i tossicodipendenti polacchi.
“Non è vero! I vostri familiari sono più feriti
dal vostro vizio che voi stessi”.
“Allora cosa dobbiamo fare?” “Ritornate
a Dio, pregate e create delle comunità!”
L’incontro è finito con la preghiera. Hanno
pregato tutti insieme: i tossicodipendenti pri-
gionieri, i tossicodipendenti guariti e il perso-
nale della prigione, tutti ripetendo all’uniso-
no: ..”E non ci indurre in tentazione ma
liberaci dal male. Amen!”
Ringraziamo Dio onnipotente e la sua
SS.Madre per il dono di questa visita, per
quel dono di grazia che è la semina della
Parola di Dio. Sarà difficile oggi dire in
Polonia che non si è mai sentito parlare di
Medjugorje. Il seme è caduto in terra. Ognu-
no di noi è personalmente responsabile per la
raccolta che darà. Che sia centuplicata lo
auguro a voi e a me stessa.
Zofia Oczkowska
P.Slavko, di ritorno, ha detto: “La Polonia,
per quanto ho visto, veramente risponde al
messaggio di Maria. Soprattutto mi ha molto
impressionato Radio Maria polacca che co-
pre tutta la Polonia, va in Russia, in Ucraina
e anche in Canada e oltre. E’ veramente una
grande cosa: si chiama “la voce di Maria nella
tua casa”. Sono rimasto due giorni a Radio
Maria, parlando e pregando per ore e ore; e poi
incontrando molta gente, ho visto che tanti
l’ascoltano e pregano con radio Maria”.
Anche l’Eco di Maria polacco, che ha
accompagnato gli incontri, sta diffondendosi
sempre più, grazie anche alla benedizione dal
cielo della grande anima di Marta Mirckie-
wicz, di cui il 5 marzo ricorre il 1° anniversa-
rio del ritorno a Dio.
gioia stando con lei. Anche solo pensare che
dovrai incontrarla è già un disagio. Ecco la
risposta a come la preghiera può diventare
gioia. Se nel nostro cuore c’è amore per Dio,
avremo la gioia, perché la preghiera significa
“essere con Dio”. Se non c’è l’amore, la gioia
non è possibile. Per questo molta gente non
prega e non ha la gioia. E vi prego di non dire
mai più “non ho tempo per pregare”, perché
questo non è vero. Vera è un’altra cosa: non
c’è amore! E qui comprendiamo quanto sia
importante l’intenzione della Madonna quan-
do prega con Mirjana il giorno 2 di ogni
mese: dice di pregare per le persone che non
hanno ancora fatto esperienza dell’amore di
Dio
. Bisogna pregare per ottenere questa
grazia dell’amore!
2. Preghiera del cuore - Dopo la Madon-
na ci dice: “Desidero guidarvi verso la pre-
ghiera del cuore”
. La preghiera del cuore è
la preghiera fatta con amore, per la quale tu
ti sei deciso con amore; allora bisogna libe-
rare la preghiera dai sentimenti. Unica cosa
che tu puoi fare è essere fedele nella preghie-
ra. Come ti senti oggi o come ti sentirai
domani non importa: fedele nella preghiera!
Se cominciamo a riflettere su questo punto,
troveremo troppo egoismo nella nostra pre-
ghiera: “Io ho bisogno e quindi vado a prega-
re”. “Non sento più niente, quindi non pre-
go”. “Ho pregato, il Signore non ha dato, non
prego più”.
Le nostre preghiere possono essere atee,
senza Dio; anche dicendo “Padre nostro” la
preghiera può essere senza Dio. Come quan-
do uno va al mercato e cerca un prodotto, non
gli interessa chi glielo vende, ma gli basta
averlo trovato e pagare. Se non l’ha trovato,
la decisione è chiara: non vengo più qua per
queste cose.
Molti pregano proprio in questo modo: io
ho bisogno e vado da Dio, perché forse Dio
mi può dare ciò di cui ho bisogno. Prego un
Rosario. Se Dio mi dà ciò che cerco, è un
buon Dio; se non mi dà, non prego più. Allora
noi non cerchiamo Dio, ma cerchiamo le
nostre cose. Non è sbagliato cercare le cose
dal Signore, ma prima bisogna cercare Dio.
Bisogna essere contenti innanzitutto per
questo fatto: sono stato con Dio! Purtroppo
noi siamo come dei bambini che cercano i
genitori solo quando hanno bisogno di loro.
In questa situazione i genitori danno il meno
che è possibile, perché sanno che se danno
tutto i bambini non vengono più. Ma se i
genitori vedono che i figli vengono per amo-
re, danno tutto. Una volta un tale ha ringra-
ziato Dio perché non gli ha dato quello che lui
chiedeva.
Molte volte andiamo da Dio solo per
chiedere qualcosa di urgente. Ma dopo, quan-
do sto bene, basta; non ho più bisogno di Dio.
Ecco un’altra grande ingiustizia che com-
mettiamo spesso. Quando stiamo bene nessu-
no dice: “Signore mio, perché io?” Ma se un
problema ha bussato alla porta del cuore, la
prima domanda è: “Signore, perché proprio
io?” Allora nella preghiera dobbiamo chiede-
re la grazia di cambiare questo comporta-
mento. E vedrete che questa preghiera, aiuta-
ta dal digiuno, dalla confessione, dalla pre-
ghiera, dalla partecipazione alla Messa, ecc.
cambierà il cuore e lo riempirà di gioia e di
pace.
(Conversazione di P.Slavko, 16.08.97)
Maria lo guarisce perché ritorni
missionario tra il popolo
E’ il B. Bartolomeo M.Dal Monte, ele-
vato agli altari da Giovanni Paolo II a Bolo-
gna il 27 settembre 1997.
Dopo sedici anni di missione indefessa tra
il popolo, una caduta causata dal ghiaccio, a
Vienna nel gennaio del 1768, parve compro-
mettere per sempre la possibilità d’una sua
ripresa del ministero, almeno con quell’inten-
sità con cui fino ad allora l’aveva condotto.
Furono lunghi mesi di sofferenza nella
lontana capitale, dove evangelizzò con l’esem-
pio encomiabile di pazienza nell’immobilità
forzata, di sopportazione del male acuto e di
accettazione di quella disavventura. Scrive-
va: “Dio ha fatto con me come si fa con i
ragazzi cattivi: si fanno star fermi o in ginoc-
chio, e questa è per loro la più grande peniten-
za: la mia è tale. Star fermo e doverci stare a
lungo! Sia benedetto Dio che con così poco
ripaga chi meriterebbe infinitamente di più”.
Rientrò a Bologna a metà maggio alquan-
to debilitato e tutt’altro che in grado di
cammminare, per quel piede sinistro
fratturato. Una donna di aspetto nobile ed
elegante lo aveva soccorso in strada a Vienna
al momento dell’infortunio e gli aveva presta-
to cure che sbalordirono i medici perché,
senza quel pronto ed esperto intervento, il
recupero dell’arto sarebbe stato addirittura
impossibile.
Il fatto è che di quella signora poi non si
seppe mai più nulla: sparita dopo il sollecito
ed abile aiuto, non fu più possibile rintracciar-
la. L’episodio, d’altronde, indicò forse la
premura e la presenza di quell’altra Signora,
che al principale Santuario mariano bologne-
se, sul Colle della Guardia, ora lo attendeva
con un atto di fiducia e di amore per prestargli
definitivamente l’assistenza iniziata: la Beata
Vergine di San Luca.
Colui che fin da ragazzo si era impegnato
a recarsi almeno una volta all’anno in pelle-
grinaggio ai piedi della Sacra Icona, decise
dunque nascostamente, una mattina di far
porre a lei il rimedio che gli occorreva per la
guarigione completa, al fine di riprendere il
proprio apostolato itinerante. Salito stentata-
mente con le stampelle per oltre quattro chi-
lometri, compiendo uno sforzo sovrumano,
fino al santuario, si prostrò dinanzi all’Imma-
gine e, celebrata la Santa Messa, Bartolomeo
Dal Monte ritornò in città a piedi come era
venuto, ma speditamente e senza alcun ap-
poggio.
Il dono della vita, che per lui era tutt’uno
con il dono dell’apostolato, gli era stato rin-
novato per intervento misterioso della Madre
di Dio, la quale gli concesse così di condurre
per altri dieci anni, cioè fino alla morte, la sua
attività missionaria. Egli, ben a ragione, pote-
va pregare:”Sì, io sono il tuo servo, Signore,
io sono tuo servo, figlio della tua ancella; hai
spezzato le mie catene”(Sal 115,16).
Come il S.Curato d’Ars
ha conquistato la parrocchia
Il Curato d’Ars veniva nel paesino vicino
a Lione che non vedeva un prete da vent’anni.
Quasi nessuno parve accorgersi di lui.
Il popolo non entrava nella chiesa nean-
che adesso che la porta era aperta e il lumicino
acceso. Lavorava nei campi anche di domeni-
ca, dannato ad una fatica senza luce di riscat-
to. Indugiava nelle botteghe, dove si traffica-
vano soltanto i talenti materiali. Restava chiu-
so nelle case, prigioniero di un egoismo fami-
liare, tipico dei provinciali e caratteristico dei
Interrogativi sulla preghiera
(2)
1.Perché la preghiera non è gioia? - In
un messaggio la Madonna ha detto: “Vivete
tutte le parole che vi ho dato durante questo
tempo di grazia e rinnovate la preghiera fino
a quando essa diventerà gioia”
. Pregare è il
nostro primo dovere! Ma può la preghiera
diventare gioia? Possiamo dire di sì perché lo
dice la Madonna e allora è possibile. Ma
guardiamo un po’ le persone che pregano.
Quando alla domenica andate alla Messa
nelle vostre comunità, avete l’impressione
che ci sia una grande gioia nel cuore della
gente che vi partecipa? E ricordando come si
prega nelle famiglie, avete una profonda
esperienza di gioia? Quanti non pregano più,
proprio niente! Molti pregano poco, poco.
Molti vengono alla Messa, ma non pregano
mai e perciò la Messa diventa per loro sempre
lunga, dà fastidio, il parroco parla sempre
troppo. Questa gente ha solo un po’ di gioia
quando alla fine il parroco dice: “Andate in
pace”. E così con tanta gioia escono.
Dove è la gioia nella preghiera? Per capi-
re come risolvere il problema, pensiamo sem-
plicemente a ciò che accade fra di noi: se tu
ami qualcuno, tu hai sempre gioia quando sei
con lui e il tempo è sempre troppo breve; e se
non puoi essere con questa persona, sei triste.
Se non ami una persona, non potrai mai avere
* L’Eco di Maria nelle lingue principali si
trova a Medjugorje nel nuovissimo negozio
Shalom a destra davanti alla Chiesa ed ora
anche presso Ain Karim, ultimo negozio della
Galleria sotto l’Hotel Internazionale, dietro la
canonica, dall’altra parte della strada.
background image
Suor Lucia sul terzo segreto di Fati-
ma -
Se rispondono a verità le confidenze di
sr.Lucia di Fatima, 91 anni e in piena lucidità,
ai cardinali Padiyara indiano e Vidal filippino,
riportate dalla stampa il 2 marzo, “il 3° segreto
di Fatima non è fatto per essere rivelato, ma è
destinato solo al Papa e alla gerarchia ecclesia-
stica a lui vicina”.
Quanto al contenuto, si è limitata a negare
che “il segreto riguardi il Concilio Vaticano II,
tempi di aridità e sfiducia.
Il Curato d’Ars non uscì sul sagrato, per
chiamare gente. Non corse lungo le strade per
scuotere l’indifferenza dei parrocchiani. Non
rimproverò, non si dolse. Ricordò - o forse
non aveva mai dimenticato - uno dei più
difficili insegnamenti di Gesù: quello di pre-
gare
e di digiunare.
S’inginocchiò davanti al Tabernacolo e
restò lungamente in preghiera: senza mangia-
re e senza dormire, o almeno mangiando
appena il necessario per mantenersi vivo -
poche patate fredde e mezze marce - e dor-
mendo tre ore per notte sul pavimento o
addirittura sui sarmenti. Per quanto distratti e
indaffarati, gli abitanti di Ars cominciarono a
chiedersi cosa facesse il loro Curato, e come
vivesse.
Una vecchina, più curiosa che devota,
entrò in chiesa. Lo vide immobile, dinanzi al
Tabernacolo, con la tonaca stinta che gli
scendeva sulle spalle magrissime, la testa
appena sorretta da un filo di collo. Un’altra
entrò in canonica. La cucina era spenta; la
dispensa vuota; il letto senza materasso, né
coperte. “Signor Curato, come vivete?”.
Vedete - rispose - vivo ”.
Ed ecco, dopo la prima curiosa, entrare in
chiesa altra gente. E vedendo il Curato
inginocchiato, inginocchiarsi. E udendolo pre-
gare, pregare con lui. E pregare fino alle
lacrime, perché le preghiere del Curato d’Ars
erano così commosse che commuovevano.
Ed ecco altra gente entrare in canonica,
con la scusa di un consiglio. E i consigli del
Curato erano talmente buoni che qualcuno
chiese di confessarsi. E la confessione era
così angelica, che la gente si sentiva edificata,
sollevata finalmente ad altezze da troppo
tempo dimenticate. Ars cominciò a cambiar
volto. “Ars non era più Ars”.
Nel giro di pochi anni era diventato il
paese più devoto del Lionese.
Le molte reazioni
alle risposte di D.Amorth
Caro Don Angelo, ho ricevuto con piacere
un pacco di lettere sulle mie risposte circa il
terzo segreto di Fatima, la venuta intermedia
di Cristo, le imminenti catastrofi. Le lettere
significano che il giornale è molto letto, e
questo fa piacere. Da parte mia non ho retti-
fiche da fare, anche perché mi sento la co-
scienza tranquilla di avere detto la verità, dopo
essermi bene informato, e di non avere ingan-
nato i lettori famelici di eventi strepitosi.
1 - Mi sono occupato a fondo di Fatima e
ho scritto molto e con piena competenza. Se il
terzo segreto non è stato pubblicato, certa-
mente ci sono validi motivi, scritti da Giovan-
ni XXIII e condivisi da Paolo VI e da Giovan-
ni Paolo II. Ma non trovo serio dare per certo
delle cause soltanto supposte o del tutto inven-
tate.
2 - Su Medjugorje ho scritto in collabora-
zione tre libri e oltre cento articoli, frutto di
esperienza diretta. Anche su questi dieci se-
greti non ho voluto inventare nulla. I richiami
alla conversione e alla preghiera sono continui
e accorati. Come è chiara l’affermazione che
con la preghiera si possono fermare anche le
guerre
. E’falso dare specificazioni che i mes-
saggi non contengono.
3 - Che il momento che viviamo sia gravis-
simo, basta non essere ciechi per vederlo. Il
credo della maggioranza degli italiani
è:”Credo in Dio, ma non sono praticante”. Al
che ho sempre risposto che non ho mai incon-
trato un demonio ateo: tutti i diavoli credono
e non sono praticanti, perché si sono ribellati
a Dio. Ed è la parola di Dio ad ammonirci di
essere sempre pronti, perché non sappiamo né
il giorno né l’ora; a stimolarci alla conversio-
ne, se no perirete tutti; a tenerci pronti alla
venuta del Signore: Vieni, Signore Gesù! Tutti
sappiamo che ci sono armi per una catastrofe
mondiale.
4 - Le apparizioni mariane, che in questi
ultimi tempi si sono moltiplicate in tutto il
mondo, non sono preannunci di castighi, ma
insegnamenti accorati per evitarli. Ed è in
spirito di conversione e di preghiera che van-
no visti. Non con animo di curiosità catastro-
fiche che non convertono nessuno. O con
annunci, tipo una venuta intermedia di Cristo,
che non è contenuta né nella Bibbia, né nel
Magistero della Chiesa.
“ECO” è un foglio serio, che testimonia
eventi seri. Chi va in cerca di vane curiosità,
si rivolga ad altri giornali. Non mancano!
Don Gabriele Amorth
Un lettore ci scrive a proposito: “A furia
di pensare a questi eventi futuri, è facile
perdere di vista l’amore di Dio, e le realtà
eterne, non ringraziarlo più dei doni che Lui ci
fa giorno per giorno e della felicità che ci
prepara per sempre. In questo guardare al
futuro c’è una fuga dal presente, che va invece
consacrato giorno dopo giorno all’opera di
Dio. Si dimentica l’immenso peso di tutte le
preghiere, le sofferenze e le opere sante, che
salgono a Dio da ogni dove, secondo le richie-
ste di Maria e che fanno da contrappeso al
male così invadente”.
Nuovo ospedale “Padre Pio” a Medj.
-
L’associazione promotrice dell’opera conferma
che per ora intende dar vita a un primo nucleo
sanitario che sarà pronto entro l’anno. C’è già lo
stabile ma è allo stato grezzo; se n’è parlato nel
numero 137 di Eco. Chi vuol collaborare si
serva delle indicazioni qui riportate: Ccp
11958436 “Solidarietà e Aiuto per la Casa Inter-
nazionale della Pace” via Generale dalla Chiesa
38/A I - 43015 Noceto (Parma) tel. 0521/628448,
Fax 0521/628447/628523; oppure alla sede ope-
rativa della stessa “Solidarietà e Aiuto” c.p.206,
39100 Bolzano, Fax 0471/283706, P.Mannes
M.Ghizzardi, BZ, 0471/280694.
Incontro internazionale giovanile di
preghiera a Medj.
Il 9° Festival dei giovani, si
terrà anche quest’ anno dal 31 Luglio sera al 6
Agosto mattina. Il tema degli incontri: Vieni,
Spirito Creatore.
Riferiremo in un prossimo
numero il programma già predisposto.
Per i sacerdoti
si terrà un ritiro interna-
zionale a Medj., guidato dai padri Slavko, Cosimo
Cavalluzzo e Jörg Müller dal 30 giugno al 5
luglio 1998 (per informazioni tel 00387-88-
651988, Fax 00387-88-651888/651444).
Due incontri a Milano
-
Il 22 marzo si
svolgerà al PIME (Via Mosé Bianchi), inizio ore
10,30, una giornata di preghiera e meditazione:
per informazioni tel. 02/48021914.
Il 24 maggio al Palavobis (ex Palatrussardi)
P.Slavko sarà presente per una giornata di pre-
ghiera e riflessione, con un veggente di Medj. e
con alcuni ragazzi del cenacolo di Suor Elvira.
Inizio ore 9,00. Per informazioni rivolgersi a
Cabrini 02/48011099 o Romolotti 02/8357222.
A Modena
,
Basilica di S. Pietro, per i primi
5 sabati dei mese, programma di preghiere con
inizio alle ore 15. Sabato 4 aprile sarà presente P.
Jozo; il 2 maggio mons. Paolo M. Hnilica
DUE LETTERA PER TUTTE.
Dal Monte delle beatitudini,
Suor
Giampiera ci scrive il Signore vi renda merito per
il bene che fate tramite Eco. Se sapesse con quale
devozione lo ritirano dall’angolo dove le varie
lingue vengono esposte, i pellegrini che arrivano
da tutte le parti del mondo: finora non è capitato
che sia rimasto un solo foglio (28.01.98).
Dall’Alaska:
prego Dio che vi guarisca per-
ché possiate continuare l’Eco, che leggo e rileg-
go, in modo da continuare a nutrire noi che
abitiamo in luoghi così isolati e siamo tanto
affamati di verità e di santità (Nita Young).
o le Scritture o previsioni apocalittiche”. Ri-
guardo alla Russia “Gorbaciov è stato strumen-
to di Dio per la conversione della Russia”, non
nel senso dell’adesione al cattolicesimo ma per
il ritorno alla libertà di scelta. “La consacrazio-
ne della Russia al Cuore I. di Maria, fatta dal
Papa nell’84, avrebbe evitato una guerra atomi-
ca imminente”. Il portavoce vaticano ha smen-
tito che Gorbaciov si sia inginocchiato ai piedi
del Papa per chiedere perdono, ma non ha fatto
riferimento al resto.
Movim. Consecratio mundi:
Convegno
internazionale sullo Spirito Santo nella Trinità e
nel creato, Loreto 23-25 marzo, Palazzo Illirico.
Tra i relatori mons.Comastri vescovo di Loreto,
mons.Kondrusievicz, arcivescovo di Mosca, ecc.
tel.071/977585.
EDIZIONI ESTERE
Inglese: Echo of Mary, cas.post.27, I-31030 Bes-
sica Treviso. Francese: Echo de Marie, B.P. 4602,
F-45046 Orléans, Cedex 1. Tedesco: Echo Ma-
riens, Cas. Post. 149, I-46100 Mantova. Spagnolo:
Eco de Medj., cas. post 149, I-46100 Mantova;
Catalano: Amics de Medj., c.Carme 11 baixos E-
08700 Igualada-Catalogna; Portoghese: Gilberto
Correia, rua de Brito 24, P-4915 Vila Praia de
Ancora, tel. 911181; Brasiliano: Servos da Rainha,
Caixa p. 02576, 70279-970 Brasilia DF; Olandese
Int. Medj. Comité afd. Nederland-Belgie, Miseri-
cordeplein 12C, 6211 XK Maastricht (Olanda);
Polacco: Echo Maryi, 30-960 Krakòw skr.pocz.
188 (Polonia), fax (48) 124130350; Russo: Dom
Marii, Ul Remisova 5, a/28, 113186 Moscow (Rus-
sia); Svedese: Carlo Frizzo, c/o Josephina Hemmet,
16849 Drachmannsg 2, Bromma (Svezia) Unghe-
rese
: Fraternitas, 1399 Budapest, P.F. 701/85,
Hongrie, fax 36-11329001; Rumeno: Ecou din
Medjugorje, cas. p. 41-132 Bucuresti (Romania).
Albanese: Sander Prendushi, L. Heroj, Rr
Skenderbeg, nr 98, Shköder (Albania). Greco: Sr.
Despina de la St. Croix, 69 rue Epirou, Agia
Paraskevi, 15341 Athenes.
Distributori ediz. italiana all'estero: Svizzera:
Nora Künzli, via Caressaa, CH-6862 Rancate 091/
6463469 (Versamenti: Banca Raiffeisen, Eco di
Medj.,CH-6862 Rancate, cc.69-1079-0). Canada:
Giuseppe Bozzo, 8324 Nicolas Leblanc, Montreal
Que H1E 3W5, 648-3420. Australia: (tutte le
lingue) Medjugorje Sentinel, P.O.Box 746, Pennant
Hills, NSW 2120, fax 02-980-7806.
Eco è gratuito: grazie a chi ci aiuta. Indirizzare
offerte a Eco di Maria, cas. post. 149, 46100
Mantova, o con assegni, o con vaglia postali o
con ccp n. 10799468.
Aumenta continuamente la
richiesta per le edizioni estere. In Italia cresce la
domanda di spedizione postale individuale: pre-
ghiamo, nel caso, i distributori di diminuire il
quantitativo di copie ricevute nei pacchi per la
distribuzione a mano.
Ringrazio tutti di cuore per le preghiere
e le attestazioni di affetto verso Eco e verso
di me a causa della mia malattia. Eco è ancor
più nelle mani di Maria, la quale provvederà
senza dubbio, attraverso i nuovi operatori, a
soddisfare le attese dei suoi piccoli, sparsi in
ogni parte del mondo. Se il Signore lo vorrà,
io resterò come revisore. Giunga a tutti voi la
benedizione di Maria per una Pasqua di vera
risurrezione, nel Nome del Padre e del Figlio
e dello Spirito Santo.
Villanova M., 3 marzo 1998
Resp.Ing.A. Lanzani-Tip. DIPRO(Roncade TV).