Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 luglio 2008

La vera vacanza è in Dio

Other languages: English, Čeština, Deutsch, Español, Français, Hrvatski, Italiano, Polski

Messaggio di Medjugorje, 25 luglio 2008 [O]

"Cari figli, in questo tempo in cui pensate al riposo del corpo, io vi invito alla conversioe. Pregate e lavorate in modo che il vostro cuore aneli al Dio creatore che è il vero riposo della vostra anima e del vostro corpo. Che Egli vi riveli il suo volto e vi doni la sua pace. Io sono con voi e intercedo davanti a Dio per ciascuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

È tempo di vacanze, e tutti s’affannano a trovare il modo migliore per divertirsi e riposarsi. Alcuni scelgono la montagna, altri il mare, alcuni trovano finalmente il tempo per una buona lettura, altri per passeggiate all’aria aperta.

La Madonna c’invita ad un genere di vacanza totalmente diverso, rivelandoci che la nostra vera vacanza dovrebbe consistere nella conversione. E la conversione abbraccia l’intero essere umano: il corpo e l’anima, le parole e le azioni. San Marco cita le prime parole che Gesù pronunciò in pubblico: “Convertitevi e credete al vangelo” (MC 1, 15). La conversione non consiste soltanto nell’attenersi superficialmente ai comandamenti di Dio. Essa consiste in un incontro personale con Gesù Cristo, dopo il quale si diventa completamente consapevoli di quel che si è e di come si è, si diventa consapevoli dei propri peccati e delle proprie debolezze e, nel contempo, della propria importanza e dei propri pregi. Dopo aver incontrato Gesù, nell’uomo s’accende il desiderio d’abbandonare la vecchia vita e di intraprenderne una nuova. Si consente a Gesù di entrare nei propri giorni, nella propria vita, nei propri comportamenti e nei propri pensieri.

La Madonna, nel messaggio, c’invita a pregare affinché il nostro cuore desideri con maggiore forza Dio Creatore, perché soltanto lui può donare alla nostra anima ed al nostro corpo il sollievo, la “vacanza”, di cui hanno bisogno. Il cuore è il centro dell’uomo e nessuno ha due cuori, uno per odiare e l’altro per amare. L’uomo ha soltanto un cuore, ed è per questo che bisogna determinarsi al perdono, alla pace, all’amore ed alla fede. Perdonare significa accogliere il prossimo nel proprio cuore ed accettarlo così com’è. Tommaso d’Aquino diceva che il cuore umano è fatto, ad immagine e somiglianza di Dio, per amare.

Il periodo delle vacanze è un’eccellente occasione per fermarci ed iniziare a pregare; è un’occasione per intensificare ed approfondire il nostro incontro con Dio. Le vacanze sono anche un’ottima occasione per dedicare più tempo agli amici che, forse, abbiamo un po’ trascurato, per chiamarli e per condividere con loro le belle notizie e le decisioni importanti che abbiamo preso negli ultimi tempi. È anche un’occasione per cambiar modo di rapportarsi a Dio, al prossimo ed a noi stessi. Impieghiamo bene questo prezioso periodo di ferie, affinché non trascorra invano.

Maria intercede per noi al cospetto del Signore, chiedendogli di perdonarci e di donarci la Sua grazia. Maria c’assiste ed accompagna lungo la via: ecco perché non dobbiamo aver paura.

Vorrei concludere con i versi del Salmo 62, che recita:

Solo in Dio riposa l’anima mia,
da lui la mia speranza.
Lui solo è mia rupe e mia salvezza,
mia roccia di difesa: non potrò vacillare.
In Dio è la mia salvezza e la mia gloria;
il mio saldo rifugio, la mia difesa è in Dio.
Confida sempre in lui, o popolo,
davanti a lui effondi il tuo cuore,
nostro rifugio è Dio.

Međugorje, 26/7/2008
Padre fra Danko Perutina


 
Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.