Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 maggio 2003

Other languages: English, Deutsch, Español, Français, Hrvatski, Italiano, Polski

 

Messaggio di Medjugorje, 25 maggio 2003 [O]

"Cari figli, anche oggi vi invito ad aprirvi alla preghiera. Nel tempo di quaresima passato avete capito quanto siete piccoli e quanto piccola è la vostra fede. Figlioli, decidetevi anche oggi per Dio, affinchè Lui in voi e attraverso di voi cambi i cuori degli uomini e anche i vostri cuori. Siate gioiosi portatori del Gesù risorto in questo mondo inquieto, che anela a Dio e a tutto ciò che è da Dio. Io sono con voi, figlioli, e vi amo con un amore particolare. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

Nel messaggio di aprile, come all’inizio delle sue apparizioni, la Madonna ci invitava ad aprirci alla preghiera e a deciderci per Dio, perché Lui possa cambiare i nostri cuori e i cuori degli altri in noi e attraverso di noi. E’ un impegno e un compito che la Madonna ci affida con amore. Ci sembra un compito e una missione troppo grande e impegnativa, ma è l’unica strada per essere felici e ottenere la pace che proviene solo da Dio. Anche oggi, come 21 anni e undici mesi fa, Madre Maria ci invita con la stessa forza e l’esigenza delle sue parole: “Oggi vi invito alla preghiera”.

In queste poche parole ha messo tutto il suo cuore e il suo amore verso di noi, suoi figli. Lei desidera intensamente che ci convertiamo, perché così saremo felici e gioiosi. Maria non predice il futuro, non soddisfa la nostra curiosità umana, ma ci dice cosa Dio vuole da me, da noi oggi. Poiché Lei ha partorito la Parola di Dio, Gesù Cristo, Dio ci dice tutto attraverso di Lei, ci dice cosa è più importante per noi in questo momento: “Rinnovate la vostra preghiera personale”. Maria parla ad ogni cuore; non si rivolge alle folle, ma all’individuo, alla persona con nome e cognome. Di me e di te si tratta. Lei sa bene che il mondo si può cambiare soltanto se si comincia con l’individuo. Non succederà niente se aspettiamo che gli altri cambino, che gli altri migliorino, che gli altri inizino a pregare e a convertirsi. E’ molto più facile cambiare e vincere gli altri che noi stessi. Madre Maria vuole che ognuno personalmente cominci a pregare, se non può radunare e invitare gli altri alla preghiera. La preghiera è un mezzo che ci aiuta a cambiare noi stessi. Se la preghiera non ci cambia, noi dobbiamo cambiare la nostra preghiera e il modo di pregare.

La preghiera per la preghiera non ha senso se non ci cambia, se non allarga i cuori e non ci avvicina a Dio; perciò ci dice: “Pregate lo Spirito Santo affinchè vi aiuti a pregare col cuore”. Anche S. Paolo ci dice, nella sua lettera ai Romani: “Allo stesso modo anche lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché nemmeno sappiamo che cosa sia conveniente domandare, ma lo Spirito stesso intercede con insistenza per noi con gemiti inesprimibili” (Rom. 8,26). Anche noi possiamo pregare con questa preghiera: “Vieni, Spirito Santo, nella nostra città, nelle nostre case, nelle nostre famiglie, nei nostri sguardi e cuori. Senza di Te leggiamo libri, ma non diventiamo più sapienti. Senza di Te parliamo, ma non ci avviciniamo gli uni agli altri. Senza di Te la nostra vita si sfascia nei giorni senza senso. Senza di Te non c’è fedeltà. Senza di Te la tecnica ci distrugge. Senza di Te le nostre chiese diventano musei. Senza di Te la preghiera è un chiacchierare. Senza di Te, Spirito Santo, il nostro sorriso si pietrifica. Vieni Spirito Santo, il nostro vuoto anela alla Tua pienezza. Vieni Spirito Santo e abita nel nostro mondo”.

Possiamo e dobbiamo continuare questa preghiera allo Spirito Santo, che venga in tutti questi posti dove non c’è ancora; che venga nelle nostre famiglie dove non c’è pace, fedeltà, amore e fede; che venga là dove regna l’odio, il peccato e la guerra; che venga là dove le persone sono schiavizzate e legate con il peccato.

“Se vi convertite anche tutti coloro che sono attorno a voi saranno rinnovati”. E’ impossibile che gli altri rimangano gli stessi se noi siamo davvero sulla strada della conversione. Perciò la Madonna nel messaggio del mese scorso ci ha detto: “Decidetevi anche oggi per Dio affinchè Lui in voi e attraverso di voi cambi il cuore degli uomini”. Per tutto ciò, Dio ci manda Madre Maria oggi. Dove appare la Madonna, là scoppia e fiorisce la presenza dello Spirito Santo; dove c’è Maria, là c’è anche lo Spirito Santo: Lei è la sposa dello Spirito Santo.

Tutto ciò sappiamo secondo la parola dell’Angelo Gabriele che ha detto a Maria: “Lo Spirito Santo scenderà su di Te, su Te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo”(Lc. 1,35). Come pure la parola di Gesù agli apostoli quando ha detto loro di aspettare lo Spirito Santo promesso. E loro hanno aspettato la Pentecoste nella preghiera insieme con Maria, Madre di Gesù. Anche noi preghiamo che la festa di Pentecoste che si avvicina, non sia senza lo Spirito che Dio vuole donarci attraverso Madre Maria.

PREGHIERA E BENEDIZIONE

Maria, Madre di Gesù e di ognuno di noi, Regina della pace, ti preghiamo di essere la Regina della nostra pace, Regina delle nostre famiglie e dei nostri cuori. Ti ringrazio, o Madre, per ogni Tua parola d’amore, per la Tua presenza e, soprattutto, per ogni cuore che si è spiritualmente risvegliato dal sonno profondo o dalla morte spirituale. Ti presento tutti i tuoi figli che dormono, che non hanno conosciuto ancora l’amore di Dio. Prima di tutto, tocca i nostri cuori, perché sia visibile a chi apparteniamo e di chi siamo: che siamo tuoi e, attraverso di Te, del Tuo Figlio Gesù, nostro Salvatore.

E per l’intercessione della Beata Vergine Maria, Dio onnipotente benedica e protegga tutti voi, le vostre famiglie, tutti quelli che si sono raccomandati alle nostre preghiere: il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo. Amen. Pace e bene a tutti.


Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.