Riflessioni sui Messaggio di Medjugorje, 25 agosto 2006

Other languages: English, Deutsch, Español, Français, Hrvatski, Italiano, Polski

 

Messaggio di Medjugorje, 25 agosto 2006 [O]

"Cari figli, anche oggi vi invito: pregate, pregate, pregate. Solo nella preghiera sarete vicino a me e a mio Figlio e vedrete come è breve questa vita. Nel vostro cuore nascerà il desiderio del cielo. La gioia comincerà a regnare nel vostro cuore e la preghiera scorrerà come un fiume. Nelle vostre parole ci sarà solo gratitudine verso Dio perchè vi ha creati, e il desiderio di santità diventerà per voi realtà. Grazie per aver risposto alla mia chiamata. "

Durante tutti questi anni delle apparizioni, la Vergine Maria non ha desistito, il Suo amore non è diminuito, le Sue parole non sono cambiate. La Madonna non ha bisogno di cambiarsi, perché è tutta immersa nell’amore di Dio, perché è piena di grazia. Quello che Lei vuole è farci avvicinare a Dio, perchè solo Lui ci può convertire, cambiare e farci santi; cioè solo Lui può farci sani, liberi e normali. Le parole della Vergine Maria sono esigenti, nonostante che ci possa sembrare di averle sentite tante volte. Solo i piccoli e gli umili hanno capito e compreso quello che diceva Gesù.

Così anche i messaggi della Madonna che sono profondi, evangelici e semplici, possono essere capiti dai piccoli e dagli umili che sono aperti alle parole della Madre e del suo Cuore che ama. Anche in questo messaggio, come anche in tanti messaggi, ci ripete tre volte: “Pregate, pregate, pregate!”. Come una madre che ripete al suo figlio la cosa che è tanto importante perchè sia impressa nella mente e nel cuore del figlio. Maria non conosce un’altra strada e un altro mezzo che ci possa avvicinare a Dio. Per questo ripete tante volte l’invito alla preghiera in tutti questi anni. Il senso della preghiera non è prima di tutto informare Dio sulla situazione che viviamo, ma il senso della preghiera è la trasformazione del nostro cuore, come ci spiega anche la Madonna in questo messaggio che ci ha dato. “Solo nella preghiera” ci dice la Vergine Maria: non c’è altro mezzo. Se qualcuno vi dicesse che esiste un altro mezzo che vi può avvicinare a Dio, non credetegli.

La preghiera ci aiuta ad aprirci, ci rende umili e ci aiuta a capire che siamo creature e che in tutto dipendiamo dal nostro Creatore, dal nostro Padre. Senza Dio non esistiamo, non viviamo, non c’è la vita in noi, come dice Gesù. La preghiera non è una magia, ma un incontro con l’Altro, scritto con l’A maiuscola: un incontro con Dio, col Padre. Perché nella preghiera non portiamo a Dio i nostri interessi, ma portiamo noi stessi con tutto quello che siamo e che abbiamo. La preghiera migliore è la preghiera sincera, è la preghiera del cuore. Tanti mi chiedono: “Come pregare col cuore?”. La preghiera col cuore comincia con la sincerità. Dire a Gesù, dire a Dio: “Non so pregare col cuore. Non posso aprire il cuore. Non so neanche aprirlo. Non so neanche perché si è chiuso”. Questa diventa la preghiera sincera e la preghiera col cuore. Sappiamo bene che non è facile pregare, che non è facile cominciare a pregare, deciderci per la preghiera. Ma quando abbiamo vinto questa difficoltà iniziale, dopo ci sentiamo leggeri, liberi, gioiosi.

Questo mondo nel quale viviamo, la nostra natura umana che è ferita dal peccato originale e il diavolo, cercano di convincerci che la preghiera è inutile. Invece la Madonna dice diversamente in questo suo messaggio: “Solo nella preghiera sarete vicini a Me e a mio Figlio e comprenderete come è breve questa vita”; che pertanto conviene lottare per il bene, fare il bene, amare e perdonare, fare quello che rimarrà anche per l’eternità. “Nel vostro cuore nascerà il desiderio del Cielo, la gioia comincerà a regnare nel vostro cuore e la preghiera scorrerà come un fiume. Nel vostro cuore ci sarà solo gratitudine verso Dio, perché vi ha creati”: il nostro Dio, che non è soltanto il nostro Creatore, ma anche il nostro Padre. Maria come Madre desidera che conosciamo quella gioia che nessuno e niente ci più dare: solo Dio.

La nostra fede ci insegna, l’esperienza ci conferma e noi crediamo che tutto ci è stato donato da Dio, ci è stato donato nell’amore e con amore. Tutto è inutile se dal nostro cuore non esce un grazie a Dio per tutto. Grazie anche per le difficoltà e per le croci, che finiranno nella risurrezione. Preghiamo per diventare coscienti di quanto siamo amati dal nostro Dio, che è Padre.

INFORMAZIONI

Il 17° Festival internazionale di preghiera dei giovani si è svolto a Medjugorje dal 1° al 6 agosto. Tema di quest’anno è stato: “Lampada per i miei passi è la Tua parola, luce sul mio cammino”, in armonia col tema che il Santo Padre Benedetto XVI° ha dato ai giovani per la giornata mondiale per la gioventù di quest’anno, che si è tenuta nelle Chiese locali la Domenica delle Palme. Circa 30.000 giovani da tutto il mondo si sono riuniti a Medjugorje per incontrare Gesù nella scuola di pace e di gioia di Maria.

Sono venuti da tutti i continenti e da tutte le parti del mondo. Le bandiere di circa 50 Paesi hanno sventolato al ritmo dei canti. Il 17° Festival dei giovani è iniziato il 1° agosto con il Rosario serale e la S. Messa presso l’altare esterno della chiesa parrocchiale di S. Giacomo, ed è terminato il 6 agosto con il Rosario e la Messa dell’aurora intorno alla croce sul monte Krizevac. L’inizio è stato contraddistinto da giovani di circa 40 Paesi che, prima dell’inizio dell’Adorazione eucaristica, hanno salutato nelle loro lingue i giovani riuniti per questo incontro.

Il 7° seminario internazionale per coppie sposate si terrà a Medjugorje dal 1° al 4 novembre 2006. Il tema del seminario sarà: “La famiglia chiamata al perdono e alla santità”. Il seminario si svolgerà nel salone accanto alla chiesa. E’ possibile inviare le proprie adesioni al seguente indirizzo e-mail: seminar.marija@medjugorje.hr, oppure a mezzo telefono e fax 00387-36-651999.

Anche stasera, come ogni 25 del mese, cominciando dall’anno eucaristico, qui nella chiesa parrocchiale ci sarà l’adorazione eucaristica per tutta la notte, a iniziare dalle ore 22.

PREGHIERA E BENEDIZIONE

Vergine Maria, Regina della pace, Tu ci hai detto: “Vengo a voi come Madre che vi mostra quanto Dio, vostro Padre, vi ama”. Preghiamo Te e con Te, o Maria, perché i nostri cuori, le nostre famiglie e soprattutto i giovani possano conoscere, sentire, sperimentare il vero amore che ci viene dal cuore di Dio nostro Padre.

Ti preghiamo, o Maria, soprattutto per i giovani che cercano amore e gioia nei posti dove non c’è amore e non c’è gioia. Cerca, o Maria, attraverso di noi e trova i giovani, tutti quelli che si sono perduti. Desideriamo essere le Tue mani, i Tuoi piedi, il Tuo Cuore, perché su questa terra possiamo portare Dio, il Suo amore, il Suo regno, che è presente in questo mondo. Per intercessione della Beata Vergine Maria, Regina della pace, nostra Madre, vi benedica e protegga da ogni male tutti voi, le vostre famiglie e tutti i gruppi di preghiera Dio onnipotente: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Amen. Pace e bene a tutti.


Per confrontare i messaggi con altro linguistico verso assortire

Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.