Medjugorje Libro Giallo

Vi supplico ascoltate i miei messaggi e viveteli

Other languages: English, Italiano
Contenuto dell'articolo
  1. « Adesso non pregate, mettetevi in silenzio e lasciatemi passare attraverso i vostri cuori »
  2. I messaggi della Madonna ci preparano per gli avvenimenti che ci attendono
  3. Il piano del Signore non è universale, è individuale
  4. Se io mi metto sul livello dei messaggi e li vivo, il futuro non e più nascosto per me
  5. «Tutti coloro che ascoltano e vivono i miei messaggi sono la mia Parrocchia»
  6. « In questo anno offrirò la mia pace al mondo »
  7. « Dovete sentirvi nulla. È il Padre che farà tutto »
  8. « Prendete le vostre croci con gioia »
  9. L'amore è l'unica forza che salva
  10. « Eccomi, sono la serva del Signore »
  11. Non impedite che Gesù vi ami
  12. « Cari figli, accogliete tutto quello che il Signore vi offre »
  13. Si impara la fede attraverso un'apertura umile
  14. « Cari figli, voi dimenticate che siete tutti importanti »
  15. «Ogni famiglia sia attiva nella preghiera»
  16. « Cari figli, voi siate la gioia di tutti gli uomini, siate la speranza ad ogni uomo »
  17. L'apertura del cuore allo Spirito Santo ci porta alla profondità della conoscenza
  18. «Appena vedete un peccato confessatelo, affinché non rimanga nascosto nelle vostre anime »
  19. « Vi invito perché mi offriate i vostri cuori, affinché io possa cambiarli e farli simili al mio Cuore »
  20. « Cari figli, oggi vi invito a vivere l'amore con Dio e con il prossimo nella vostra vita »
  21. « Siate luce a tutti e testimoniate nella luce »
  22. « Con queste grazie, cari figli, desidero che le vostre sofferenze diventino la gioia »
  23. Preparate i vostri cuori per l'incontro con Dio
  24. « Il vostro obbligo non è tanto di fare, quanto di adorare Dio, di stare con Dio »
  25. Entrare nella preghiera del cuore
  26. «Senza preghiera, cari figli, non potete sentire né Dio, né me, né la grazia che vi sto dando»
  27. Se voi vi offrite completamente al Signore, permettete a Lui di guidare la vostra vita
  28. « Se desiderate sentire che Dio è quella vera pace che cercate, allora semplicemente dovete pregare col cuore »
  29. « Io desidero soltanto che per voi il Rosario diventi la vita »
  30. Che cos'è la preghiera?
  31. Consacratevi ogni giorno alla Vergine
  32. « Impegnatevi con l'amore dove siete »
  33. La Madonna chiede la confessione settimanale alle persone che si consacrano
  34. Camminate sotto il Cielo aperto
  35. « Desidero che anche per voi la croce sia gioia »
  36. « Pregate per poter accettare la croce »
  37. « Non siete pieni di gioia perché non siete in grado di capire il mio amore immenso »
  38. Scrivete nei vostri cuori che Dio è il Signore
  39. L'Adorazione al Santissimo
  40. « Desidero invitarvi a prendere e vivere sul serio i messaggi che vi do »
  41. « Pregate, cari figli, solo così potrete conoscere tutto il male che sta in voi ed offrirlo al Signore, in modo che il Signore possa purificare del tutto i vostri cuori »
  42. Siamo invitati di nuovo a dire il nostro « si »
  43. Bisogna pregare in continuo
  44. « Il mio cuore segue attentamente i vostri passi »
  45. « Io invito le famiglie alla santità. Che le famiglie siano un luogo dove nasce o sta nascendo la santità »
  46. « Vuoi offrirti anche tu per la salvezza del mondo? »
  47. La preghiera senza sosta è la nostra vita
  48. « Cari figli... »
  49. « Vi ho offerto tutto e da voi sarà chiesto tutto »
  50. MESSAGGIO DELL'8 GENNAIO 1987: « Da oggi darò meno messaggi, ma sono con voi »
  51. « Cari figli, ormai si è compiuto quello che il mio Signore ha programmato »

Meditazioni (sui Messaggi) di P. Tomislav Vlasic e P. Slavko Barbaric - Anno 1986

Io credo che noi, tutti quanti, se vogliamo essere veri pellegrini, dobbiamo fare questo passo, anche se le potenze del mondo ci schiacciano, ci costringono: offrire con la pace le nostre vite e continuare a vivere questa offerta umilmente. Soltanto così Dio sarà glorificato in noi.

Penso che questo è molto importante, perché tutti noi siamo pronti a fare la lotta per la Madonna, a discutere, a tirare le conclusioni logiche, a portare gli argomenti umani, ma tutto quello è di poca importanza.

Dobbiamo riflettere, dobbiamo portare una chiarezza anche umana, ma in fondo è Dio che agisce e, quando non abbiamo nessuna forza umana, anche lì dobbiamo rimanere in pace, sicuri che Dio vincerà.

Perché tutti noi vogliamo un trionfo, un trionfo sulla terra, ma il trionfo sulla terra non ci sarà: soltanto chi si offrirà, come si è offerto Gesù, arriverà ad un trionfo nel Cielo. Qui sulla terra l'unico trionfo è di offrire la nostra vita, affinché il nostro fratello sia salvato.

(P. Tomislav Vlasic - 8 febbraio 1986)
Milano, 10 marzo 1987

I messaggi della Madonna ci preparano per gli avvenimenti che ci attendono

Adesso ci sono soltanto tre veggenti che hanno le apparizioni quotidiane. Sono Jakov, Ivan e Marija. Mirjana non vede la Madonna quotidianamente dal Natale '82 e Ivanka dall'inizio di maggio '85; adesso anche Vicka non la vede più dal 7 gennaio.

Tutte queste notizie penso che abbiano un contenuto particolare. Mirjana adesso ha visioni della Madonna più frequenti: l'ultima è stata il 25 dicembre '85. Mirjana ha di nuovo visto un episodio del primo segreto, la prima ammonizione al mondo. Era triste. Mirjana, dovrebbe essere a Medjugorje tra il 15 e il 20 febbraio con P. Pero, il sacerdote al quale ha deciso di affidare il primo segreto. In quella apparizione ci potrebbero essere delle notizie, delle precisazioni sul futuro.

Un'altra cosa caratteristica è legata a Vicka che dal 7 gennaio non vede più quotidianamente la Madonna. Tre giorni prima di finire con le apparizioni quotidiane la Madonna le ha chiesto di fare tre cose. Ha lasciato a Vicka di decidere da sola; le ha detto di riflettere se era pronta ad accettare. Vicka era abbastanza triste dopo quell'incontro, perché sentiva che gli impegni erano pesanti. Vicka non dice mai: « Aiutatemi », ma in quel periodo diceva: « Pregate per me. Aiutatemi ». Dopo tre giorni, il 7 gennaio, ha deciso di accettare quelle cose che la Madonna desiderava. La Madonna allora le ha detto: « Bene, in questo periodo cerca di realizzarle. Non ti apparirò fino al 25 febbraio ».

Che cosa dovrà fare, noi non lo sappiamo; né Vicka lo dice, ma si vede dal suo comportamento che sono cose serie, che deve accettare sul serio. Gli altri veggenti invitano alla conversione, alla preghiera, come si vede nei messaggi dati alla Parrocchia ogni giovedì.

Le persone domandano se gli avvenimenti futuri sono vicini, se sono davvero vicini. lo di solito dico che noi siamo già entrati dentro gli avvenimenti grandi. Altrimenti non si potrebbe capire la presenza della Madonna già da quattro anni e mezzo.

Per di più noi, sacerdoti che seguiamo i veggenti, sappiamo che certe cose

si sono già adempiute, già realizzate e che il programma progredisce. Poi da tutto quello che si può vedere, da quello che sottolinea in modo particolare Mirjana, gli avvenimenti grandi si avvicinano. Noi non possiamo sapere i segreti, che cosa c'è dentro le anime dei veggenti, però possiamo intravedere.

In questo periodo, in modo particolare, ho capito le parole di Gesù: « Quel giorno non lo conosce neppure il Figlio. Lo sa soltanto il Padre ». Però nello stesso contesto dice: « Quando il fico apre le foglie, voi dite che l'estate è vicina. Come riconoscete il tempo di questa terra dovete riconoscere anche il tempo che spetta alla vostra vita spirituale ».

Ora, mentre noi non possiamo conoscere i segreti, nello stesso tempo possiamo conoscerli, cioè conoscere le cose come sono, conoscere i momenti. Secondo me, dobbiamo stare molto attenti ai messaggi della Madonna. I messaggi della Madonna ci preparano per gli avvenimenti e preparano le nostre anime per riconoscere la presenza di Dio, per riconoscere la volontà di Dio. Se noi siamo preparati con la preghiera, con il digiuno, con la conversione, allora non saremo mai sorpresi: in ogni momento ci sarà data la luce per riconoscere il momento.

Vediamo che il futuro, i segreti, non si possono conoscere come le notizie, aspettando che arrivino, ma la presenza della Madonna e il futuro possono essere conosciuti soltanto attraverso la conversione. L'anima preparata, aperta, lo riconoscerà, l'anima indurita non lo riconoscerà. In questi giorni mi è venuta un'immagine dall'Esodo, quando gli Ebrei uscivano dall'Egitto. Dopo tanti miracoli il Faraone ancora non credeva: quando il mare si è aperto è entrato ed è finito lì. Ho riflettuto: come mai è stato così cieco da entrare nel mare? Ha visto il mare diviso ed è entrato per essere distrutto.

Quell'immagine mi dice come tutti noi possiamo essere di cuore duro, possiamo non vedere le cose. Diventiamo duri, sempre più duri se non siamo pronti alla conversione, a vivere una vita nuova offerta dal Vangelo, come hanno vissuto gli Apostoli, come hanno vissuto i primi cristiani. I messaggi della Madonna qui a Medjugorje non chiedono altro da noi che quello che la Chiesa ha praticato dall'inizio e ci portano alla semplicità, per accettare il Vangelo con la semplicità di un bambino. Domanda - Si può sapere qualcosa sul ritiro che sta facendo il gruppo di preghiera?

Risposta - È difficile dirlo brevemente. In questi quattro giorni noi abbiamo scelto una strada, secondo quello che la Madonna ci ha indicato.

La Madonna desidera che il gruppo fiorisca e abbiamo scelto per ogni giorno un tema. Il primo giorno: «Apritevi»; il secondo giorno: « Amatevi »; il terzo giorno: « La pace come radice della vita spirituale » e, nello stesso tempo, « La pace come frutto della conversione ». L'ultimo giorno: « Se volete i doni potete averli, perché chi vuole i doni deve amare e chi ha l'amore ha tutto ». Questi temi non sono i temi scritti, le relazioni già preparate, ma sono i temi che ci sono venuti dentro il cuore dopo la preghiera. Io ho detto al gruppo che non farò nessuna lezione, ma seguirò il gruppo così come essi camminano, passo a passo, e cercherò di dare la parola che sarà luce per i loro passi. In questi quattro giorni abbiamo seguito questo ritmo e spero che il gruppo continui.

Non si può dire come si svolge una giornata durante questo ritiro, perché i programmi non sono fissi. Noi cominciamo di mattina e stiamo a pregare, a riflettere fino alla sera e alla sera ciascuno va a casa e continua a pregare. Per esempio, il secondo giorno abbiamo avuto anche un messaggio, una spinta: « Questa sera riposatevi ». Ieri invece ci ha detto: « So che siete stanchi, ma non posso dirvi: "riposatevi". Vi dico: "pregate e non andate a letto prima di aver pregato almeno un quarto d'ora per il gruppo; il giorno seguente sarà un giorno migliore" ». Quando si va avanti e si segue il ritmo dello Spirito, allora non esistono programmi fissi. Quando dico che non posso dare un orario fisso è perché ogni giorno cambio, guardo la situazione com'è, secondo le disposizioni, se le persone sono pronte... Il sacerdote che guida gli esercizi spirituali non dovrebbe avere una parola fissa. Io sono partito dalle letture del giorno.

Voi sapete che il re Saul aveva delle regole fisse nella mente e quando è stato mandato da Dio, attraverso il profeta Samuele, a sterminare i filistei ha ubbidito ad una parola fissa; non era però aperto allo Spirito ed è stato rigettato. Anche i farisei erano ubbidienti alla parola fissa, ma non erano ubbidienti allo Spirito Santo.

Nella vita spirituale questo è pericoloso: non si può seguire una preghiera fissa, una parola fissa, ma è molto importante che la guida degli esercizi dia la parola che illumina la situazione e porti la gente avanti passo a passo.

È molto importante per me non imparare una parola a memoria, ma trovare la parola che risplenda dentro di me, mi faccia risorgere, cambiare, una parola che mi porti avanti.

(P. Tomislav Vlasic - 23 gennaio 1986)

 


Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.