Medjugorje Libro Giallo

Vi supplico ascoltate i miei messaggi e viveteli

Other languages: English, Italiano
Contenuto dell'articolo
  1. « Adesso non pregate, mettetevi in silenzio e lasciatemi passare attraverso i vostri cuori »
  2. I messaggi della Madonna ci preparano per gli avvenimenti che ci attendono
  3. Il piano del Signore non è universale, è individuale
  4. Se io mi metto sul livello dei messaggi e li vivo, il futuro non e più nascosto per me
  5. «Tutti coloro che ascoltano e vivono i miei messaggi sono la mia Parrocchia»
  6. « In questo anno offrirò la mia pace al mondo »
  7. « Dovete sentirvi nulla. È il Padre che farà tutto »
  8. « Prendete le vostre croci con gioia »
  9. L'amore è l'unica forza che salva
  10. « Eccomi, sono la serva del Signore »
  11. Non impedite che Gesù vi ami
  12. « Cari figli, accogliete tutto quello che il Signore vi offre »
  13. Si impara la fede attraverso un'apertura umile
  14. « Cari figli, voi dimenticate che siete tutti importanti »
  15. «Ogni famiglia sia attiva nella preghiera»
  16. « Cari figli, voi siate la gioia di tutti gli uomini, siate la speranza ad ogni uomo »
  17. L'apertura del cuore allo Spirito Santo ci porta alla profondità della conoscenza
  18. «Appena vedete un peccato confessatelo, affinché non rimanga nascosto nelle vostre anime »
  19. « Vi invito perché mi offriate i vostri cuori, affinché io possa cambiarli e farli simili al mio Cuore »
  20. « Cari figli, oggi vi invito a vivere l'amore con Dio e con il prossimo nella vostra vita »
  21. « Siate luce a tutti e testimoniate nella luce »
  22. « Con queste grazie, cari figli, desidero che le vostre sofferenze diventino la gioia »
  23. Preparate i vostri cuori per l'incontro con Dio
  24. « Il vostro obbligo non è tanto di fare, quanto di adorare Dio, di stare con Dio »
  25. Entrare nella preghiera del cuore
  26. «Senza preghiera, cari figli, non potete sentire né Dio, né me, né la grazia che vi sto dando»
  27. Se voi vi offrite completamente al Signore, permettete a Lui di guidare la vostra vita
  28. « Se desiderate sentire che Dio è quella vera pace che cercate, allora semplicemente dovete pregare col cuore »
  29. « Io desidero soltanto che per voi il Rosario diventi la vita »
  30. Che cos'è la preghiera?
  31. Consacratevi ogni giorno alla Vergine
  32. « Impegnatevi con l'amore dove siete »
  33. La Madonna chiede la confessione settimanale alle persone che si consacrano
  34. Camminate sotto il Cielo aperto
  35. « Desidero che anche per voi la croce sia gioia »
  36. « Pregate per poter accettare la croce »
  37. « Non siete pieni di gioia perché non siete in grado di capire il mio amore immenso »
  38. Scrivete nei vostri cuori che Dio è il Signore
  39. L'Adorazione al Santissimo
  40. « Desidero invitarvi a prendere e vivere sul serio i messaggi che vi do »
  41. « Pregate, cari figli, solo così potrete conoscere tutto il male che sta in voi ed offrirlo al Signore, in modo che il Signore possa purificare del tutto i vostri cuori »
  42. Siamo invitati di nuovo a dire il nostro « si »
  43. Bisogna pregare in continuo
  44. « Il mio cuore segue attentamente i vostri passi »
  45. « Io invito le famiglie alla santità. Che le famiglie siano un luogo dove nasce o sta nascendo la santità »
  46. « Vuoi offrirti anche tu per la salvezza del mondo? »
  47. La preghiera senza sosta è la nostra vita
  48. « Cari figli... »
  49. « Vi ho offerto tutto e da voi sarà chiesto tutto »
  50. MESSAGGIO DELL'8 GENNAIO 1987: « Da oggi darò meno messaggi, ma sono con voi »
  51. « Cari figli, ormai si è compiuto quello che il mio Signore ha programmato »

Meditazioni (sui Messaggi) di P. Tomislav Vlasic e P. Slavko Barbaric - Anno 1986

Io credo che noi, tutti quanti, se vogliamo essere veri pellegrini, dobbiamo fare questo passo, anche se le potenze del mondo ci schiacciano, ci costringono: offrire con la pace le nostre vite e continuare a vivere questa offerta umilmente. Soltanto così Dio sarà glorificato in noi.

Penso che questo è molto importante, perché tutti noi siamo pronti a fare la lotta per la Madonna, a discutere, a tirare le conclusioni logiche, a portare gli argomenti umani, ma tutto quello è di poca importanza.

Dobbiamo riflettere, dobbiamo portare una chiarezza anche umana, ma in fondo è Dio che agisce e, quando non abbiamo nessuna forza umana, anche lì dobbiamo rimanere in pace, sicuri che Dio vincerà.

Perché tutti noi vogliamo un trionfo, un trionfo sulla terra, ma il trionfo sulla terra non ci sarà: soltanto chi si offrirà, come si è offerto Gesù, arriverà ad un trionfo nel Cielo. Qui sulla terra l'unico trionfo è di offrire la nostra vita, affinché il nostro fratello sia salvato.

(P. Tomislav Vlasic - 8 febbraio 1986)
Milano, 10 marzo 1987

Camminate sotto il Cielo aperto

Inizio con la preghiera, perché la sento nel mio cuore.

O Signore Dio, ogni giorno di nuovo devo parlare di Te e ogni giorno scopro sempre di più come sei immenso, come non posso abbracciarti, come non posso manifestarti. Manda il tuo Spirito su di me e su questi fratelli e sorelle, affinché siano in grado di capire la tua presenza e capire il tuo disegno d'amore. Tu sei contento perché questi ragazzi e ragazze sono davanti a Te e loro sono contenti di trovarTi. Tu sei il Buon Pastore, cerchi ciascuno di noi e noi desideriamo che tutti siano nelle tue braccia, nel tuo Cuore. Fa' che questo incontro veramente finisca nel tuo Cuore, te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Nell'ultima domenica Gesù ci ha detto che dobbiamo lasciare tutto e seguirlo. E domenica prossima ci parla dell'incontro col Padre.

Vorrei riflettere con voi proprio su questa strada: il figliol prodigo allontanatosi da casa è tornato finalmente al padre.

Voi siete venuti a Medjugorje ad incontrarvi con la Madonna, con un progetto divino, siete venuti a scoprire veramente la Sua presenza. Probabilmente i vostri vi hanno parlato dei segni, dei miracoli e qualcuno di voi si aspetta di vedere qualche cosa, di trovare gli argomenti della presenza della Madonna. Spero che voi tutti quanti abbiate la possibilità di trovare argomenti validi per la presenza della Madonna a Medjugorje.

Gli scienziati hanno lavorato molto e direi in modo sufficiente per studiare quei fenomeni e praticamente hanno detto che è un fenomeno al di là delle nostre capacità. Le estasi sono d'accordo con quelle che la Chiesa ha già confermato. Molti hanno visto diversi segni, ma io non sarei contento se voi vedeste soltanto i segni, sarebbe troppo poco, insufficiente. Due settimane fa è venuto un giovane da me e mi ha detto: « Chiedo una benedizione. Sono stato a Medjugorje per un mese, adesso sono felicissimo: ho trovato me stesso. Adesso so quello che faccio, diventerò frate. È tutto chiaro nella mia anima. Adesso so come posso vivere ».

Andare a Medjugorje a vedere la Madonna e il progetto di Dio è andare a trovare se stessi. Non è sufficiente vedere i segni, non è sufficiente vedere i miracoli, non è sufficiente neanche essere miracolati. Non è. stato sufficiente per gli Apostoli stare con Gesù tre anni e neanche vederlo dopo la Risurrezione e toccarlo; quando sono stati illuminati nella mente e nel cuore, quando hanno compreso la vita, quando la vita di Dio è entrata nei loro cuori, allora è stato sufficiente. Voi siete venuti a Medjugorje per trovare la vita, per trovare voi stessi.

Allora io vi pongo una domanda: che cosa desiderate? Voglio mettervi davanti a un incrocio e voi dovete sapere quale strada prendere. Due settimane fa ho letto un articolo, una statistica della nostra città di Split. In quella statistica è scritto che si sono sciolti una metà dei matrimoni fatti negli ultimi anni. Che cosa dice questo per il vostro futuro? Una metà dei matrimoni si è sciolta. Che cosa dicono per voi la droga, il suicidio, il terrorismo che avanza, l'aborto? Che cosa dicono per voi le famiglie nelle quali non c'è pace, non c'è comprensione? Che cosa dice a voi la forza militare d'oggi? Quale futuro potrete avere? Questa è una strada. La storia ci dice che una civilizzazione che è arrivata alla sua cima, viene distrutta. Secondo me noi siamo arrivati nel tempo della distruzione. Se la metà dei matrimoni si scioglie veramente siamo entrati nella distruzione. Voi siete contenti che il vostro matrimonio finisca così? O volete qualcos'altro?

Questa è una strada che potete fare: andate verso il matrimonio che finirà tra qualche mese, tra qualche anno, oppure volete prendere un'altra strada?

A Medjugorje noi abbiamo visto un'altra strada: il Cielo si è aperto, la Madonna ha annunciato ai veggenti il futuro della Chiesa e del mondo. Non sappiamo tutto, ma possiamo comprenderlo col cuore. Tre elementi forti ci parlano molto. I veggenti affermano che la Madonna dice: « Queste mie apparizioni sono le ultime per l'umanità,», poi che, con questo secolo, con questi avvenimenti che sono annunciati nei segreti, finisce il tempo di satana. I veggenti, inoltre, dicono che i segreti si riferiscono all'umanità intera e annunciano un'epoca nuova, un cambiamento nuovo.

Voi siete pronti per vivere per questo tempo nuovo? Il Cielo si è aperto, i veggenti hanno visto la Madonna, L'hanno toccata, La guardano ancora, ma più che guardare c'è un'altra esperienza. Loro dicono:

« Quando vediamo la Madonna, noi possediamo un'altra vita ». Ecco, gli scienziati l'hanno sperimentato, perché quando i veggenti vedono la Madonna non sentono nulla. Vivono una vita nuova: l'incontro con Dio, l'incontro con la Madonna è una vita nuova, completa, piena.

Ecco che cosa vuol dire vivere il Cielo aperto. I veggenti non soltanto hanno vissuto questo rapporto con la Madonna nell'apparizione, ma hanno visto anche il Paradiso, il Purgatorio, l'Inferno. Direi che il Cielo si è aperto di più, affinché i veggenti potessero aprirlo a noi, e noi potessimo guardarlo e camminare verso di esso. Questa è l'altra strada che si offre a voi per il vostro futuro. Avete capacità di scegliere la strada del futuro distrutto o del futuro pieno di gioia, pieno di vita. Che cosa volete scegliere? La scelta è lasciata a voi, la Madonna non la impone, come non l'ha imposta neanche ai veggenti. Quando hanno chiesto che cosa dovevano fare per il futuro, la Madonna non ha dato un ordine, ma ha detto: « Voi dovete scegliere. Io vi consiglio di andare in convento ».

Diverse altre volte quando facevano delle domande per le loro necessità, la Madonna rispondeva: « Pregate per essere illuminati ». In fondo rimaneva sempre la loro libertà: loro devono scegliere e voi dovete scegliere. Il vostro futuro sarà secondo la vostra scelta. Quando la gente viene a Medjugorje, ci sono due strade, due estremi. Un estremo materialistico: chi vuole una protezione nella vita terrestre: essere protetti dagli avvenimenti duri, dalle malattie, dalle disgrazie e, dall'altra parte ci sono quelli che vorrebbero dimenticare tutto, anche il lavoro quotidiano, per essere subito in Cielo. Queste sono esagerazioni. Secondo me la strada è questa: oggi, quando il Cielo è sereno si vede bene il sole, è bello camminare, è bello fare le passeggiate. Il vostro futuro dovrebbe essere un futuro sulla terra sotto il Cielo aperto. Vivere la vita quotidiana sotto il sole che brilla. Vivere adesso la vita cambiata, perché la manifestazione della Madonna ci spinge a ritrovare la fede, a ritrovare la presenza del Padre. Sapete, quasi l'umanità intera, è il figlio prodigo; abbiamo preso delle responsabilità minime verso Dio. Moltissimi sono cristiani, aspettano forse la vita eterna, ma non lavorano nel campo del Padre, nella casa del Padre, non sono felici, non sono pieni di vita, non sono sereni, anzi sono preoccupati e nervosi come gli altri e prendono la droga come gli altri.

Non siamo nella casa del Padre, che cosa dobbiamo fare?

Il 16 agosto mi sono ritirato con i gruppi di preghiera di Medjugorje sulla montagna per fare un ritiro. Era una giornata bella come questa.

Dopo una meditazione nella chiesa ci siamo incamminati in piccoli gruppi sulla montagna per vedere un orizzonte allargato, per sperimentare l'immensa bontà di Dio. Ci siamo fermati tre ore e sono passate in un attimo. Poi, tornati in chiesa, abbiamo celebrato una Messa lunga. La Madonna è apparsa a Marija e ci ha detto: « Figlioli, fate il Paradiso tra di voi qui sulla terra. Vi amo, vi amo, vi amo ». Io vi direi: fate il Paradiso qui sulla terra, camminate sotto il Cielo aperto. Qui sulla terra ci sarà la vita di Paradiso, però dovete camminare sotto il Cielo aperto. Gli uomini di oggi camminano sotto un cielo pieno di nuvole: la gente è chiusa nel piacere, nella logica umana, e allora non si può vivere sotto il Cielo aperto.

Si evitano i problemi, si evitano le disgrazie, è un egoismo comunitario, ciascuno cerca di guadagnare, di assicurarsi il futuro a proprio modo. Gli uomini si sono chiusi e non camminano sotto il Cielo aperto e perciò non sono in grado di cambiare la vita, di trasformare la disgrazia nella Grazia, la tragedia nel trionfo. Voi se volete essere felici nel futuro, avete un compito: tornare al Padre ed essere capaci di trasformare la tragedia nel trionfo, questo è il compito del cristiano. Voi se lo volete, lo potete. Le grazie vi saranno date, dovrete avere una visione dell'onnipotenza di Dio, guardare subito al futuro con gli occhi di Dio e andare avanti pieni di speranza. La Madonna, in un messaggio - mi pare del 12 agosto 1982, quando i pellegrini portoghesi hanno fatto la domanda: « Cara mamma, che cosa vuoi dire a noi portoghesi? Dacci una benedizione particolare » - rispose: « Pregate, pregate, pregate ». Si è fermata un pochettino poi ha detto: « Quando vi dico questa parola voi non la comprendete. Tutte le grazie sono a vostra disposizione, potete prenderle attraverso la preghiera ».

Se volete realizzare questo futuro bello sulla terra andando verso il Paradiso, dovete tornare al Padre nel vostro cuore, dovete tornare al vostro Dio attraverso la preghiera.

La gente mi dice che cosa vuol dire la preghiera? Voi sapete le preghiere, ma non è sufficiente dire le preghiere, voi dovete pregare. Sapete che cosa è la preghiera? Una settimana fa sono stato a Dubrovnik e mi hanno detto che una prostituta di Dubrovnik, andata a Medjugorje, si è convertita e da allora continua a lodare il Signore.

Questa è là preghiera: permettere a Dio che cambi la nostra vita, mettere le nostre capacità a disposizione di Dio. La preghiera non è soltanto dire « Ave Maria » o « Gloria al Padre » o « Padre nostro », la preghiera è riflettere su quello che dice la Madonna. In un messaggio

alla Parrocchia disse: « Cari figli, riflettete perché io sono rimasta così a lungo sulla terra », e ancora: « La preghiera è prendere sul serio Dio ». Poi, in un altro messaggio attraverso Jelena: « Quando Dio viene tra di voi non viene per scherzare, ma per dire cose serie ».

La preghiera è cercare Dio. Anche gli atei di oggi dovrebbero cominciare a cercare Dio. Perché non esiste un ateo teorico che dica che non esiste Dio. Non ci sono argomenti per questo. Siamo piuttosto tiepidi. Anche gli atei dovrebbero cominciare a cercare Dio, i teologi dovrebbero cominciare a cercare Dio, la loro teologia non è sufficiente. Anzitutto bisogna buttarsi davanti a Dio sulle ginocchia e pregarlo, affinché si riveli alla nostra mente. Come è successo con gli Apostoli che sapevano le parole di Dio, ma non era sufficiente. Dovevano pregare affinché lo Spirito Santo li illuminasse. Che cosa è la preghiera? $ diminuire il nostro lavoro per dedicarci di più a Dio, cercare Dio, riflettere su Dio, trovare Dio. La preghiera è cercare Dio. Attraverso ogni preghiera, attraverso ogni lettura, noi dobbiamo cercare Dio, desiderarlo, anelarlo. Se dentro di noi c'è questo stato d'animo, i nostri Rosari, i nostri sacramenti, la nostra Messa, la nostra confessione mensile - come desidera la Madonna - i nostri digiuni, ci porteranno avanti e ci apriranno a Dio. Dio ci diventerà sempre più vicino, chiaro e noi Lo conosceremo.

C'è qualcuno che fa questa domanda: perché tanta preghiera? Perché non l'azione? Perché una preghiera contemplativa? Perché la vita contemplativa? Non importa la bellezza esteriore, ma la bellezza interiore. Questa bellezza interiore e la felicità interiore possono esser realizzate soltanto attraverso la preghiera profonda. Quando noi siamo redenti nella nostra profondità, quando siamo diventati felici nella profondità del nostro essere, allora nella nostra vita diventano belli anche i nostri sbagli, i nostri sbandamenti, le nostre esperienze dure, amare: tutto viene trasformato.

Se noi lavoriamo soltanto sul livello superficiale, le nostre azioni sono superficiali.. Perché la Madonna invita alla preghiera? Ci invita a questa felicità profonda, affinché ciascuno di noi possa viverla, possa manifestarla, affinché siamo beati, anche se perseguitati, se affamati. Questo ci porta ad un cambiamento, ad una trasformazione radicale per essere beati. E noi possiamo aiutare gli altri soltanto se portiamo loro la vita beata. Non è sufficiente offrire a un povero un pezzo di pane. Più che offrire un pezzo di pane è necessario sistemare la sua vita. Quando noi siamo beati nella nostra vita, siamo in grado di aiutare l'altro ad essere sistemato nella vita interiore, ad essere cambiato, ad essere trasformato. Se noi non siamo trasformati, se non siamo pieni di vita, allora non possiamo neanche cambiare gli altri. Ecco il perché della preghiera interiore. Sul livello dell'attività, noi possiamo aiutare gli altri soltanto nella misura in cui siamo aiutati da Dio.

C'è troppo attivismo anche oggi nella Chiesa. Una suora che voleva formare una comunità per persone disgraziate mi diceva: « Secondo te, come posso formare questa comunità? ». Ho risposto: « Prima di tutto tu devi diventare felice. Se vuoi formare una comunità allora devi formare delle persone sane, beate e poi dovete vivere ogni giorno la preghiera profonda, affinché le disgrazie degli altri non vi distruggano, ma la vostra vita cambiata, cambi gli altri, trasformi gli altri ».

Cari fratelli e sorelle, molte parole e molte azioni non cambiano il mondo. La Madonna tante e tante volte ha detto a Medjugorje: « Pregate, con la preghiera potete fare tutto ».

Nell'ultimo messaggio, nell'incontro che abbiamo avuto, attraverso Jelena ha detto: « Oggi non sono importanti le parole, neanche le opere, è importante soltanto pregare per stare in Dio ».

Perché è importante stare in Dio e pregare? Perché da quell'atteggiamento di stare in Dio, di pregare, esce ogni attività sana, ogni attività che salva il mondo. Quando siamo senza questo atteggiamento di apertura totale verso il Signore, le nostre attività sono superficiali. Ecco, perché Madre Teresa ha dato come regola alle sue sorelle, ai suoi fratelli, di stare davanti al Signore nell'Eucaristia almeno due ore, e dopo andare ad aiutare i moribondi, gli affamati, tutti coloro che soffrono. La Madonna, in modo particolare, ci invita a stare in Dio, a pregare per essere salvati noi e per portare questa salvezza agli altri. Quando noi portiamo la salvezza agli altri non portiamo i mezzi materiali, ma portiamo la vita che c'è dentro di noi. Se manca questa vita allora noi siamo testimoni del materialismo, siamo una organizzazione come tante altre. La nostra attività deve provenire proprio dai bisogni di Dio, che possiamo sentire in una preghiera silenziosa, nel silenzio nel quale tutte le cose sono abbandonate a Dio e le nostre orecchie sono tese verso di Lui per ascoltare la Sua voce e per realizzare i Suoi desideri.

(P. Tomislav Vlasic - 9 settembre 1986)

 


Perché Dio possa vivere nei vostri cuori, dovete amare.